in ,

Arresti in Vaticano, Francesca Chaouqui si difende su Facebook: “Non sono un corvo”

Di madre italiana e padre francese di origini marocchine, la 32enne Francesca Immacolata Chaouqui, arrestata insieme al monsignor Lucio Angel Vallejo Balda perché accusati di avere avere divulgato alla stampa (sotto accusa i due libri di imminente pubblicazione“Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi e “Avarizia” di Emiliano Fittipaldi) notizie riservate riguardanti la Santa Sede, si difende e rigetta ogni accusa.

“Non sono un corvo, non ho tradito il Papa. Non ho mai dato un foglio a nessuno. Mai a nessuno. Emergerà presto ne ho la certezza e la totale fiducia negli inquirenti” – così in un post su Facebook e Twitter pubblicato qualche minuto fa – “Non c’è niente che abbia amato e difeso più della Chiesa e del Papa. Neanche la mia dignità. Avrei potuto Stare a casa e non presentarmi in Vaticano ma come sempre Ho anteposto tutto al Papa”.

Stretti collaboratori di Papa Francesco, rispettivamente ex segretario e membro della Cosea, Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede, sono accusati di “avere tradito la fiducia del Pontefice”. Francesca Chaouqui è stata tuttavia rimessa in libertà perché dimostratasi collaborativa nelle indagini. “Adesso le cose andranno a posto. Niente compatimenti per favore, io sono a testa alta, niente di cui vergognarmi”, ha scritto sui social, ribadendo la sua estraneità ai fatti che le vengono contestati.

Foto Facebook

50 sfumature nero film

50 sfumature di nero: con Dakota Johnson e Jamie Dornan, Cara Delevingne e Charlize Theron faranno parte del cast?

Intervista Marco Rovaris insegnare in carcere

Insegnare in carcere: intervista a Marco Rovaris, 115esimo in graduatoria ad aver accettato l’incarico