in ,

Arresti in Vaticano, Francesca Chaouqui si difende su Facebook: “Non sono un corvo”

Di madre italiana e padre francese di origini marocchine, la 32enne Francesca Immacolata Chaouqui, arrestata insieme al monsignor Lucio Angel Vallejo Balda perché accusati di avere avere divulgato alla stampa (sotto accusa i due libri di imminente pubblicazione“Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi e “Avarizia” di Emiliano Fittipaldi) notizie riservate riguardanti la Santa Sede, si difende e rigetta ogni accusa.

“Non sono un corvo, non ho tradito il Papa. Non ho mai dato un foglio a nessuno. Mai a nessuno. Emergerà presto ne ho la certezza e la totale fiducia negli inquirenti” – così in un post su Facebook e Twitter pubblicato qualche minuto fa – “Non c’è niente che abbia amato e difeso più della Chiesa e del Papa. Neanche la mia dignità. Avrei potuto Stare a casa e non presentarmi in Vaticano ma come sempre Ho anteposto tutto al Papa”.

Stretti collaboratori di Papa Francesco, rispettivamente ex segretario e membro della Cosea, Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede, sono accusati di “avere tradito la fiducia del Pontefice”. Francesca Chaouqui è stata tuttavia rimessa in libertà perché dimostratasi collaborativa nelle indagini. “Adesso le cose andranno a posto. Niente compatimenti per favore, io sono a testa alta, niente di cui vergognarmi”, ha scritto sui social, ribadendo la sua estraneità ai fatti che le vengono contestati.

Foto Facebook

Seguici sul nostro canale Telegram

50 sfumature nero film

50 sfumature di nero: con Dakota Johnson e Jamie Dornan, Cara Delevingne e Charlize Theron faranno parte del cast?

Intervista Marco Rovaris insegnare in carcere

Insegnare in carcere: intervista a Marco Rovaris, 115esimo in graduatoria ad aver accettato l’incarico