in

Arriva il vino metabolico: un bicchiere a pasto e curi diabete e ipertensione

Bevi birra e campi cent’anni“, recitava il famoso slogan di una vecchia pubblicità italiana. Ed, invece, non è solo la bevanda a base di luppoli fermentati e malto  a fare bene.

Arriva dalla zona del Garda, il vino metabolico, ricavato da ben quattro tipi di uve autoctone, in grado di prevenire il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa e l’obesità grazie ad alcuni principi nutritivi contenuti in esso che interagiscono sul metabolismo, principale responsabile di queste malattie. Ed è anche un prodotto pregiato, di alta qualità.

grappoli_vigneti

L’ideatore è l’enologo Mattia Vezzola, basandosi sulle indicazione suggerite dalla “Cucina Lineare Metabolica” dello chef Luca Barbieri e da quelle del nutrizionista Claudio Macca, operante presso gli Spedali Civili di Brescia.

 

Questo vino, che abbiamo chiamato Valtenesi Campostarne entra a pieno titolo nel pensiero equilibrato della buona tavola. Dalla rarità di quattro uve autoctone del Lago di Garda: Groppello, Marzemino, Sangiovese e Barbera nasce un prodotto raro e prezioso, risultato di una ricerca mirata a conciliare due esigenze fondamentali: mantenere il naturale equilibrio di gusto e olfatto e comprovare che due bicchieri di vino al giorno aiutano il nostro cuore a stare meglio“.

È quanto dichiarato da Vezzola, oggi,  alla Cantina Costaripa a Moniga del Garda (Brescia), nel corso della presentazione del suo salutare vino. Nel corso della manifestazione è stato presentato anche il nuovo libro di Luca Barbieri “Gruppi Sanguigni a tavola“, un pioniere della cucina lineare metabolica, la cui prefazione è stata scritta da Claudio Macca.

Speriamo che per comprarlo non servi la ricetta del dottore!

Seguici sul nostro canale Telegram

baratto e vacanza gratis

La settimana del baratto b&b dal 18 al 24 novembre: vacanza gratis assicurata

Sandra Bullock The Blind Side

Sandra Bullock vuole adottare un altro bambino