in

Assegno di ricollocazione 2018: come fare domanda, requisiti per disoccupati, tutte le informazioni

Se ne se sente tanto parlare in televisione, ma cos’è quest’assegno di ricollocazione? A chi spetta? Cosa fare per richiederlo? Cerchiamo di dare tutte le informazioni utili per ottenerlo. L’AdR è uno strumento che aiuta le persone a migliorare le proprie possibilità di ricollocarsi. È uno mezzo, introdotto dal Jobs Act, che aiuta chi è disoccupato a entrare nuovamente nel mondo del lavoro. Non si tratta di una somma di denaro destinata alla persona, ma di un voucher con cui lo Stato finanzia i programmi di formazione per l’impiego. 

Chi può richiedere l’assegno di ricollocazione?

Possono fare domanda di assegno di ricollocazione i beneficiari di NASpI disoccupati da almeno 4 mesi. Chi richiede l’assegno potrà scegliere liberamente l’ente da cui farsi assistere: il Centro per l’Impiego o l’ente accreditato ai servizi per il lavoro prescelto assegnerà un tutor che affiancherà questi attraverso un programma personalizzato di ricerca intensiva per trovare nuove opportunità di impiego adatte al suo profilo. A gestire il tutto è, infatti, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL). A partire dal 28 maggio 2018, l’assegno di ricollocazione può essere richiesto rivolgendosi proprio direttamente agli Istituti di Patronato convenzionati con Anpal.

Come funziona l’assegno di ricollocazione?

Se l’AdR viene riconosciuto, il soggetto può scegliere liberamente l’ente, tra quelli accreditati, da cui farsi assistere. Necessaria sarà la nomina di un tutor, che affiancherà chi beneficia dell’assegno di ricollocazione attraverso un programma personalizzato di ricerca intensiva delle opportunità ritenute più indicate. L’operatore non fa altro che promuovere il profilo professionale del soggetto presso potenziali datori di lavoro e selezionare le posizioni aperte che possono essere di suo interesse. Passo passo, segue questi fino all’inserimento in azienda. Il percorso di assistenza per la ricollocazione lavorativa deve concludersi entro 180 giorni. Può essere prorogato per altri 180 giorni nel caso di assunzione con contratto di durata almeno semestrale.

Che importo spetta a chi gode dell’assegno di ricollocazione?

L’importo dell’AdR non ha una cifra fissa. Varia a seconda della tipologia di contratto: da un minimo di 250 Euro ad un massimo di 5000 Euro. In caso di successo occupazionale, il soggetto che ha erogato il servizio di assistenza per il disoccupato può percepire importi da:

  • da 1000 a 5000 Euro (assunzione con contratto a tempo indeterminato e in apprendistato);
  • da 500 a 2.500 Euro (assunzione con contratto a termine di durata uguale o superiore a 6 mesi);
  • da 250 a 1250 Euro (assunzione con contratto a termine di durata da 3 a 6 mesi, solo per le 5 regioni: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia)

Se il programma di assistenza intensiva alla ricollocazione non non porta all’assunzione del disoccupato destinatario del voucher, all’ente che lo ha erogato viene riconosciuta una quota fissa per il solo servizio di affiancamento, denominata ‘Fee4Services’, dell’importo di 106,50 Euro.

Per avere ulteriori informazioni il consiglio è quello di inviare una mail a info@anpal.gov.it oppure telefonare al contact center di Anpal 800.00.00.39. Qui il link del sito ufficiale di riferimento.

 

leggi anche l’articolo —> Facebook, il colosso dei social network, alla ricerca di personale in Italia e nel resto d’Europa

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Scherzi a parte anticipazioni seconda puntata 16 Novembre: tutte le vittime

L’ultimo desiderio del piccolo Keith malato di cancro: «Mamma, voglio accompagnarti all’altare prima di morire!»