in

Assegno familiare 2019: domande dal 1° aprile, cosa cambia e tutto quello che c’è da sapere

Novità importanti arrivano dal sito ufficiale dell’INPS, Istituto nazionale della previdenza sociale. A partire dal 1° aprile 2019 le domande di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti di aziende private non agricole dovranno essere presentate, infatti, direttamente all’INPS, e soltanto in modalità telematica. Il modello “ANF/DIP” (SR16) resta, ma bisogna dire addio all’abitudine di presentarlo al proprio datore di lavoro. Come ha precisato l’INPS sarà attivato un nuovo sportello online sul sito, a cui gli interessati dovranno fare riferimento per inoltrare la richiesta. Vediamo insieme le novità e tutto quel che c’è da sapere.

ANF domande all’INPS dal 1 aprile: cosa cambia

Una scelta dettata, come ha illustrato l’INPS nella circolare 45 del 22 marzo 2019 dalla necessità di garantire una maggiore correttezza del calcolo dell’importo spettante e di rispettare la normativa della protezione dei dati personali. Coloro che hanno già presentato le domande al datore di lavoro e che lo faranno entro il 31 marzo 2019 con il modello “ANF/DIP”, per il periodo che va dal 1° luglio 2018 al 30 giugno 2019, a valere sugli anni precedenti, non devono ripresentare la richiesta, vale a dire restano valide, tuttavia i datori di lavoro dovranno seguire le istruzioni illustrate nella circolare di cui si è parlato poc’anzi. Come anticipato, il lavoratore dovrà presentare la domanda direttamente all’INPS attraverso i seguenti canali telematici:

  • online: nell’area riservata del cittadino, accedendo con le proprie credenziali PIN INPS, oppure con SPID (di secondo livello) o CNS;
  • tramite patronato o altri intermediari dell’Istituto.

Il modulo da compilare è sempre lo stesso, quello ANF/Dip SR16, ma dovrà essere compilato telematicamente. Tutto resta com’è invece per la domanda di Assegno per il nucleo familiare da parte dei lavoratori agricoli a tempo indeterminato (OTI), che dovranno continuare a compilare il modello ANF/DIP (SR16) cartaceo e consegnarlo al datore di lavoro. Gli operai invece di una ditta cessata o fallita dovranno presentare on line all’INPS nel limite della prescrizione quinquennale.

Assegno familiare 2019: le modalità di calcolo e il pagamento non cambiano

La modalità di calcolo degli assegni familiari e il pagamento non cambiano. L’INPS, una volta ricevuta la domanda, andrà a calcolare l’importo secondo i soliti parametri, ossia composizione del nucleo familiare e redditi complessivi. A questo punto l’Istituto comunicherà l’importo massimo spettante di assegno giornaliero e mensile al datore di lavoro, che si occuperà del calcolo e baderà al pagamento della busta paga, scomputando poi l’importo dal DM10.

leggi anche l’articolo —> Sciopero aerei oggi voli cancellati, tutto quello che c’è da sapere

 

Sciopero aerei oggi voli cancellati, tutto quello che c’è da sapere

Napoli crollo Chiesa Incurabili: le ipotesi sulle cause