in

Assicurare una moto d’epoca: come fare, dove e quanto costa

Rispolverare una vecchia moto, ridargli vigore e rimetterla in strada è certamente una grande emozione, e se il veicolo ha superato la soglia dei vent’anni pagare la polizza assicurativa potrà anche rivelarsi un piacere, ecco come fare.

Innanzitutto bisogna sapere che non tutti i possessori di moto o motocicli che hanno superato i 20 anni di età possono
assicurare il proprio veicolo con una polizza storica, questo perchè, non tutti i veicoli sono iscritti alla
FMI, federazione motociclisti italiana.

Questo il requisito necessario per poter iscrivere la moto alla FMI: Lo stato di conservazione del veicolo deve essere simile all’origine, o comunque ben restaurato.

Assicurazione Auto

Per tesserarsi regolarmente alla FMI occorre che: (Fonte, federmoto)
-I Veicoli siano in possesso di regolere libretto e targa, mai dismessi dalla circolazione.
Stampare e compilare il modello A, relativo all’iscrizione del Registro Storico Nazionale.
Va effettuato inoltre il versamento della quota di euro 50,00 sul conto corrente postale 29889037 intestato a: Federazione Motociclistica Italiana (indicando nella causale “richieste d’iscrizione al registro storico”) ed allegare l’originale della ‘ricevuta’;
Importanti sono anche le foto della moto, ne vanno fatte 9, a colori su fondo uniforme di colore neutro (2 lato destro, 2 lato sinistro, 1 anteriore, 1 posteriore, 1 ravvicinata e leggibile del motore, 1 ravvicinata e leggibile del numero di telaio ed 1 del telaio a distanza di un metro in direzione della zona dove il numero di telaio è posizionato). Il formato delle foto deve essere 10 X 15.

1 copia del libretto di circolazione, da cui siano identificabili i dati tecnici e l’intestatario. ! copia del foglio complementare o del CDP (certificato di proprietà), in caso di passaggio di proprietà in corso occorre allegare copia del documento che lo attesti (documento provvisorio di circolazione) e copia di un documento d’identità;

Può capitare di imbattersi in un veicolo radiato d’ufficio dal PRA, in questo caso vanno aggiunti i seguenti documenti: copia dell’estratto cronologico, dichiarazione di corretta conservazione relativa alla conservazione del motoveicolo, allegare, in originale, la dichiarazione dell’officina (impresa) che ha eseguito i lavori, attestante quanto effettuato (recupero,ripristino,manutenzione,verifica, ecc.) ed una copia di un documento d’identità. I documenti richiesti, una volta raccolti dovranno essere inviati ad uno dei tanti esaminatori nazionali presenti sul territorio.

Written by Vincenzo Iozzino

Classe 82, giornalista e pubblicista dal 2005, ha collaborato con diverse importanti redazioni, tutt'ora porta avanti un progetto personale editoriale creato ed aministrato da lui. E' attratto principalmente dalla scrittura creativa, le cui conoscenze sono state approfondite pesso la facoltà di Cultura ed amm. dei Beni Culturali di Napoli, dove si è formato. Campano, vive a Gragnano, territorio montuoso che lui definisce "braccia dell'angelo", una vera vocazione che lo ha spinto ad appassionarsi al Running ed al Trekking, e nel 2012 diventa istruttore di Atletica leggera. Vive con una meravigliosa moglie e due splendidi bambini.

Suicida Paolo Petruccioli vicedirettore del Tgr Rai

pasquale amici salvato

Anticipazioni Amici 2013: Pasquale prende male il salvataggio di Emma