in ,

Assicurazione sulla vita: ecco quando conviene sottoscriverla

La diffusione delle polizze vita ha avuto una decisa impennata negli ultimi anni, soprattutto a causa di alcuni importanti cambianti avvenuti nel mondo bancario e assicurativo. Mentre in passato le polizze venivano richieste appositamente dal contraente oggi è probabile che la polizza vita venga “imposta” conseguentemente all’apertura di un mutuo, di un prestito o altro tipo di impegno finanziario. Ciò avviene perché le compagnie assicurative e le banche vogliono evitare, sia per sé che per i contraenti, problemi legati all’insolvenza nel caso il cliente perda il lavoro, o peggio ancora la vita, prima della scadenza naturale del debito.

Nell’ipotesi di morte del contraente, dunque, si evitano situazioni di pignoramenti, sfratti e inutili lungaggini legali per i familiari. La polizza vita, comunque, è un prodotto che offre soluzioni differenti e che può essere strutturato sulle esigenze del cliente costruendo pezzo dopo pezzo il prodotto su misura. La polizza vita viene stipulata nella maggior parte dei casi per garantirsi una pensione dignitosa (è questo il caso della polizza caso vita) o per permettere ai familiari un determinato stile di vita nel caso l’unica fonte di reddito venga a mancare.

Sulla convenienza la questione è spinosa e niente affatto semplice da analizzare. I costi possono essere elevati, come descritto nell’approfondimento di Chescelta, ed è necessario valutare caso per caso quando conviene sottoscriverne una.

Come già accennato prima, chi contrae un mutuo o un prestito ha tutto l’interesse di stipulare una polizza vita che si occupi di risolvere i nostri insoluti nel caso di morte improvvisa. Questo per far si che i familiari non si trovino nella triste situazione di ereditare un debito o trovarsi impossibilitati a pagarlo con il rischio di perdere casa o altre proprietà, compromettendo la stabilità del nucleo familiare.

Un altro caso in cui l’assicurazione sulla vita conviene è quella di persone relativamente giovani e con una fonte di reddito certa. In questo caso la tipologia di assicurazione che conviene stipulare è una polizza caso vita. Questa soluzione è ideale per chi vuole costruire un futuro per sé e per la propria famiglia al riparo da rischi e sorprese. Le polizze caso vita, come già noto, offrono la possibilità di accedere al capitale al termine della data prestabilita senza dovere attendere la morte del contraente. La data di fine rapporto potrebbe, ad esempio, essere una data vicina al pensionamento per far si che si abbia un supporto aggiuntivo per il proprio mensile. In questi casi si può valutare di “agganciare” alla polizza clausole su infortuni, malattie ed incidenti capaci di intervenire nel corso della vita del soggetto nel caso ce ne sia bisogno.

Se il nucleo familiare è monoreddito allora potrebbe essere anche questo un caso in cui la polizza conviene. Il futuro non è scritto e garantire la sopravvivenza della propria famiglia in casi eccezionali, con la stipula di una polizza, potrebbe rappresentare una certezza per moglie/marito e figli.

Il rovescio della medaglia invece è da considerarsi nel caso in cui il soggetto contraente sia anziano o pensionato. L’istituto assicuratore potrebbe in questi casi valutare la morte del cliente come un evento non troppo lontano nel tempo ed orientarsi verso un premio assicurativo alto ed insostenibile per il contraente. Stessa sorte potrebbe toccare a soggetti a rischio salute, come fumatori o alcolisti, che potrebbero essere messi davanti a “rate” mensili elevatissime nel migliore dei casi o al rigetto o alla chiusura della polizza stessa nel peggiore.

Un caso molto diffuso potrebbe essere rappresentato da una famiglia con più redditi in entrata e con i figli adulti e indipendenti. Questa situazione rappresenta una soluzione ideale per alcune compagnie, vista la solidità del soggetto contraente, ma priva di utilità per chi stipula o per la propria famiglia. I costi potrebbero essere superiori ai benefici e vanificare dunque il nostro tentativo di trarne profitto.

Come abbiamo visto, dunque, è necessario bene valutare le nostre necessità e capire se la nostra situazione ci ponga una situazione ottimale o meno per la stipula di una polizza vita. Su https://www.qualepolizza.net/ è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per districarsi al meglio nel mondo assicurativo.

Meghan Markle ha partorito? Ci siamo: mamma Doria è arrivata a Londra

Anna Tatangelo, su Instagram il reggiseno a punta scatena le fantasie dei fan: “Peccato capitale”