in

Assunzioni Rai 2018: nuove selezioni in corso, ecco posizioni aperte, come candidarsi, test e documenti utili (GUIDA COMPLETA)

La Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. promuove un’iniziativa di selezione per titoli e prove, finalizzata ad individuare 25 risorse da impiegare in qualità di Specializzati della Produzione da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’art. 10 del CCL RAI per Quadri, Impiegati ed Operai. La mansione è la seguente: Specializzato della Produzione. È una figura che effettua, in relazione al livello di competenza, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione dei corpi illuminanti e dei relativi apparati tecnici per la generazione e diffusione dell’illuminazione nonché degli impianti ed apparecchiature, comprese quelle portatili, di ripresa e diffusione audio e video. Installa opere fisse e/o mobili durante le prove e le riprese. Nell’espletamento dei propri compiti opera su tutti gli impianti e le apparecchiature in possesso dell’Azienda; conduce gli automezzi aziendali adibiti alla produzione. Svolge anche tutte le attività strumentali all’esercizio della propria mansione.

Assunzioni Rai 2018: requisiti per l’ammissione

Assunzioni Rai 2018. La ricerca è riservata a coloro che sono in possesso di:

  • Età non superiore ai 29 anni e 364 giorni;
  • Diploma di Scuola Media Inferiore;
  • Patente di guida automobilistica cat. “C” o “C1”.

Sono ammessi alla selezione i cittadini italiani, i cittadini dell’Unione Europea ed i cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione Europea, purché regolarmente soggiornanti in Italia. I suddetti requisiti si intendono essenziali ed obbligatori e devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso di selezione, nonché durante l’intero svolgimento del procedimento di selezione ed all’atto dell’eventuale assunzione. É prevista l’assunzione in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante della durata di 30 mesi.

Assunzioni Rai 2018: come candidarsi e scadenza domanda

Assunzioni Rai 2018, come candidarsi e scadenza domanda. Per poter inviare la domanda di ammissione è necessario:

  • Registrarsi al sito www.lavoraconnoi.rai.it e/o effettuare la Login con le proprie credenziali;
  • Aderire all’iniziativa cliccando su “SELEZIONE SPECIALIZZATI DELLA PRODUZIONE 2018”;
  • Compilare i form richiesti (daranno diritto alla valorizzazione dei titoli preferenziali solo le informazioni presenti nella prima pagina del form di adesione – vedi punto 5);
  • Confermare l’adesione all’iniziativa;
  • Verificare la ricezione di un messaggio di posta elettronica, generato in modo automatico dalla casella di posta elettronica specializzatidellaproduzione2018@rai.it, a conferma dell’avvenuta acquisizione. della candidatura.

La domanda di ammissione on line deve essere compilata in tutte le sue parti e ad essa devono essere allegati:

  • un curriculum in formato europeo aggiornato con fotografia (in formato .pdf);
  • copia di patente di guida automobilistica cat. “C” o “C1” richiesto al punto 1.C (in formato .pdf);
    solo se dichiarato nella domanda di ammissione:
  • copia di Attestato / Diploma / Qualifica Triennale o Quadriennale – di cui al punto 5 (in formato .pdf);
  • copia di Diploma di Scuola Media Superiore – di cui al punto 5 (in formato .pdf);
  • copia di altri Diplomi – di cui al punto 5 (in formato .pdf);
  • copia di Certificato di conoscenza della Lingua inglese riconosciuto dal MIUR, con relativo livello – di cui al punto 5 (in formato.pdf);
  • per i cittadini di un Paese non aderente all’Unione Europea, una copia del titolo di soggiorno in corso di validità che li abiliti allo svolgimento dell’attività lavorativa, nonché documentazione atta a comprovare la disponibilità di una adeguata sistemazione alloggiativa (in formato .pdf);
  • un certificato di equipollenza dei titoli di studio richiesti per coloro che avessero conseguito il titolo di studio all’Estero (in formato .pdf).

La domanda di partecipazione alla selezione deve pervenire entro e non oltre le ore 12:00 del 23 ottobre 2018.

Assunzioni Rai 2018: test e prove selettive

Il processo di selezione sarà articolato in una fase preselettiva e una fase di valutazione come di seguito illustrato:

I Fase – Multiple choice

La prima fase si sostanzierà in un test scritto a risposta multipla (multiple choice) diretto a verificare il livello di cultura generale, conoscenze specifiche richieste dal ruolo: conoscenze impianti elettrici – principi di eletticità, realizzazione cablaggi, nozioni di corpi illuminanti e accessori, nozioni di apparecchiature di diffusione sonora, nozioni di ripresa televisiva, conoscenze di norme antinfortunistiche, abilità generali e attitudini specifiche, conoscenza della lingua inglese. La prova si intenderà superata per i primi 100 candidati (al netto di eventuali ex aequo). Il superamento di tale prova, il cui punteggio non verrà considerato utile ai fini della formazione della graduatoria finale, è condizione per l’ammissione alla fase successiva del percorso selettivo. La prova si svolgerà presumibilmente nella seconda metà del mese di novembre 2018 in una delle sedi dove Rai è presente con i propri Centri di Produzione (Roma, Napoli, Milano,Torino). Rai si riserva il diritto di modificare in qualunque momento tale periodo.

II Fase – Colloquio Tecnico e Colloquio Conoscitivo-Motivazionale

La seconda fase consisterà in un colloquio con la Commissione Tecnica (50 punti) volto all’approfondimento delle conoscenze e delle competenze tecnico professionali possedute, con valutazione del curriculum vitae presentato nel formato standard europeo e in un colloquio Conoscitivo-Motivazionale (50 punti), a sostegno del quale potranno essere utilizzati strumenti quali test e dinamiche di gruppo. La seconda fase di selezione si svolgerà a Roma presumibilmente nella prima metà del mese di dicembre 2018. Rai si riserva il diritto di modificare in qualunque momento tale periodo.

Chi è Lodo Guenzi: età, altezza, peso, vita privata del nuovo giudice di X-Factor 2018

Legittima difesa legge bozza, la proposta di Salvini: “Ladro non risarcito”