in

Atalanta – Juventus, critiche al Var: la risposta del Papu Gomez su Instagram

Posticipo infuocato quella della settima giornata della Serie A: la Juventus si ferma allo stadio Atleti Azzurri d’Italia dopo essere passata in vantaggio per 2-0. L’Atalanta rimonta prima con la rete di Caldara, poi con quella di Cristante, che chiude i giochi. Nel mezzo tantissime polemiche per l’uso del Var, che ha annullato un gol a Mandzukic, ha assegnato un penalty alla Juventus e un ammonizione al terzino destro Lichtsteiner per fallo su Papu Gomez. Quest’ultimo, in risposta a chi diceva che in occasione del fallo del difensore svizzero avesse simulato, ha pubblicato una foto del labbro inferiore tagliato tra le Instagram stories, dicendo: “La gente che parla di simulatore”

L’allenatore della Juventus, invece, intervenuto ai microfoni di Premium Sport ha attaccato l’uso smoderato del Var: “Non do giudizi, ma andrebbe usato solo per gli episodi oggettivi. Così non è più sport. In primavera gli episodi saranno così determinanti che le partite dureranno tre o quattro ore come negli sport americani. Per me il Var andrebbe usato solo se un fallo è dentro o fuori dall’area, se è fuorigioco, se è gol o no. Per problemi soggettivi dovrebbe decidere l’arbitro per me.” Queste le parole di Massimiliano Allegri nel post partita di Atalanta-Juventus.

Di diverso parere, invece, il tecnico bergamasco Gasperini: “Con la tecnologia si sono messe a posto molte cose, non tutte. Certo, non mi sembra che la Juve abbia subito dei danni questa sera: poteva restare in dieci e poteva non avere il rigore a favore. La gomitata io ero molto vicino e l’ho vista. L’episodio del rigore ero lontano e non sono riuscito a vedere. Se Petagna l’ha presa con il braccio è rigore, altrimenti no. L’arbitro è rimasto sulla sua decisione”

Seguici sul nostro canale Telegram

Replica Grande Fratello Vip puntata 11 settembre

Ilary Blasi capelli: il Wild Tiger è il colore di tendenza per l’inverno 2017-2018

WWE, Kurt Angle vicino al ritorno sul ring: “La decisione spetta al capo”