in

Attacchi di panico: 10 rimedi contro l’ansia durante la stagione calda

Gli attacchi di panico, con l’arrivo della stagione calda, trovano terreno fertile. Spesso fra le cause, oltre ai fattori principali – biologico e psicologico – ritroviamo anche il senso di soffocamento dovuto all’afa o alla canicola. I rimedi generici li conosciamo tutti, ma quali sono quelli più efficaci quando si parla di stagione estiva e ansia? Eccone 10 da tenere a mente.

[button_1 text=”Scopri%20di%20più%20sugli%20Attacchi%20di%20Panico” text_size=”32″ text_color=”#000000″ text_bold=”Y” text_letter_spacing=”0″ subtext_panel=”N” text_shadow_panel=”Y” text_shadow_vertical=”1″ text_shadow_horizontal=”0″ text_shadow_color=”#ffff00″ text_shadow_blur=”0″ styling_width=”40″ styling_height=”30″ styling_border_color=”#000000″ styling_border_size=”1″ styling_border_radius=”6″ styling_border_opacity=”100″ styling_shine=”Y” styling_gradient_start_color=”#ffff00″ styling_gradient_end_color=”#ffa035″ drop_shadow_panel=”Y” drop_shadow_vertical=”1″ drop_shadow_horizontal=”0″ drop_shadow_blur=”1″ drop_shadow_spread=”0″ drop_shadow_color=”#000000″ drop_shadow_opacity=”50″ inset_shadow_panel=”Y” inset_shadow_vertical=”0″ inset_shadow_horizontal=”0″ inset_shadow_blur=”0″ inset_shadow_spread=”1″ inset_shadow_color=”#ffff00″ inset_shadow_opacity=”50″ align=”center” href=”https://urbanpost.it/attacchi-di-panico-un-aiuto-concreto”/]

Aprire le finestre: quando l’attacco di panico arriva a causa del caldo, una possibile soluzione è quella di arieggiare la stanza o la casa, aprire le finestre, creare una corrente d’aria fresca può rapidamente indurci un po’ di sollievo.

Utilizzare dei ventilatori: nei mesi più caldi, l’aria diventa subito stantia e pesante. Arriva l’afa e quella sensazione di nodo alla gola impossibile da mandare giù. Un ventilatore può venire in nostro soccorso. Oltre a raffreddare il corpo, crea quella leggera brezza che induce i nostri polmoni ad aprirsi e la nostra gola a rilassarsi. Inoltre, tenere la testa al fresco è un ottimo rimedio: il caldo influisce sul flusso sanguigno causando sbalzi di pressione, se teniamo il nostro capo a temperatura possiamo scongiurare le complicazioni.

Bere acqua: molte persone non sanno che la disidratazione può essere un fattore di rischio nell’insorgenza degli attacchi di panico. La mancanza d’acqua nel nostro organismo, infatti, può alterare il nostro stato umorale e anche il comportamento.

Allentare gli indumenti: questi includono camice troppo strette, cinture, cravatte. Nel caso delle donne, in particolare, è consigliabile adottare una capigliatura a cipolla o chignon, in modo tale da diminuire il senso di pesantezza e la cappa di caldo che una folta capigliatura può indurre.

Evitare situazioni faticose: spostare mobili, divani, scatole pesanti aumenta la fatica e i battiti cardiaci, se a questo associamo il fatto di non aver bevuto a sufficienza, il senso di fatica può indurci in iperventilazione e questi fattori possono aumentare il livello di guardia del nostro organismo con il rischio di sviluppare ansia e attacchi di panico.

Evitare le ore di punta: i momenti più caldi della giornata sono tabù. Bisogna evitare di esporsi al sole e, soprattutto, di compiere azioni faticose durante queste ore.

Evitare le fonti di stress: bisogna pianificare la giornata non solo in base a ciò che si deve fare, poiché se non si riescono a portare a termine tutti gli obiettivi o se si è in ritardo con un determinato lavoro, questi fattori possono aumentare il nostro stato d’ansia.

Distrarsi: guardare un film, praticare giochi da tavolo sono solo alcuni dei tanti modi con i quali è possibile distogliere l’attenzione dalle ansie di tutti i giorni che possono indurci ad avere una crisi di panico.

Corretta alimentazione: in piena estate sarebbe meglio evitare cibi troppo grassi o troppo pesanti da digerire, come lasagne, cozze, pasta al ragù. Sarebbe meglio optare per una fresca insalata di riso, verdure e frutta anche per mantenere il corpo idratato e a temperatura costante. Il sudore, infatti, può indurci un senso di pesantezza ed è fonte di disagio.

Passeggiate notturne: di sera la temperatura cala, l’aria è più fresca ed è il momento giusto per uscire e sfogare rabbia, stress e ansia con una lunga camminata, mangiando un gelato e cogliendo l’occasione per distrarsi chiacchierando un po’.

Photo Credit: Peerayot/Shutterstock.com

[dicitura-articoli-medicina]

ristoranti vegani venezia

Ristoranti vegani Venezia e provincia: dove mangiare

casa vacanze salento appartamento

Casa vacanze Salento: scegliere l’appartamento perfetto