in

Attacchi di panico: derealizzazione e depersonalizzazione, cosa sono e come si manifestano

Gli attacchi di panico, le prime volte,  si presentano sempre in maniera inaspettata e sono caratterizzati da sintomi ben precisi, tra i quali troviamo tachicardia, senso di soffocamento, paura di morire, vertigini, tremori, dolori somatici. Ne esistono però altri due di cui poche persone sono a conoscenza, ma che possono avere effetti molto nocivi a lungo termine se non identificati e curati in tempo: si tratta della depersonalizzazione e della derealizzazione.

[button_1 text=”Scopri%20di%20più%20sugli%20Attacchi%20di%20Panico” text_size=”32″ text_color=”#000000″ text_bold=”Y” text_letter_spacing=”0″ subtext_panel=”N” text_shadow_panel=”Y” text_shadow_vertical=”1″ text_shadow_horizontal=”0″ text_shadow_color=”#ffff00″ text_shadow_blur=”0″ styling_width=”40″ styling_height=”30″ styling_border_color=”#000000″ styling_border_size=”1″ styling_border_radius=”6″ styling_border_opacity=”100″ styling_shine=”Y” styling_gradient_start_color=”#ffff00″ styling_gradient_end_color=”#ffa035″ drop_shadow_panel=”Y” drop_shadow_vertical=”1″ drop_shadow_horizontal=”0″ drop_shadow_blur=”1″ drop_shadow_spread=”0″ drop_shadow_color=”#000000″ drop_shadow_opacity=”50″ inset_shadow_panel=”Y” inset_shadow_vertical=”0″ inset_shadow_horizontal=”0″ inset_shadow_blur=”0″ inset_shadow_spread=”1″ inset_shadow_color=”#ffff00″ inset_shadow_opacity=”50″ align=”center” href=”https://urbanpost.it/attacchi-di-panico-un-aiuto-concreto”/]

La depersonalizzazione e la derealizzazione sono due termini che indicano, in realtà, un insieme di sintomi definiti come dissociativi e che si ritrovano non solo nelle persone affette da attacchi di panico, ma anche in ha o ha avuto episodi di psicosi o disturbi dell’umore. Per depersonalizzazione si riferisce a una serie di sensazioni tipiche: il soggetto si sente al di fuori del corpo, estraneo rispetto a esso o, al contrario, chiuso in un guscio, nascosto da una maschera. A livello mentale, questo disturbo influisce sul flusso di coscienza sulla genuinità dei pensieri che vengono vissuto come estranei. Quando questo disturbo si acuisce, il timore più grande è quello di perdere contatto con la realtà e con se stessi.

La derealizzazione è invece intesa come il sentirsi al di fuori della realtà: non si appartiene alle proprie azioni e la propria identità risulta bloccata. Chi soffre di questo disturbo si osserva da fuori e guarda al mondo come a un enorme televisore. Ci si sente un robot, un burattino e le proprie azioni sembrano non avere senso. I problemi si riscontrano soprattutto sul piano delle relazioni interpersonali: la comunicazione viene meno, la propria emotività è congelata. È molto comune durante o dopo aver avuto un attacco di panico o durante crisi depressive. La diagnosi precoce è il miglior modo per riuscire a curare questi disturbi che, spesso, hanno un decorso molto lungo. Uno psicoterapeuta, uno psicologo o psichiatra sono le figure di riferimento in caso si incorra in questi sintomi. In alcuni casi vi si associa la giusta terapia farmacologica.

[dicitura-articoli-medicina]

quinceanera

La Quinceañera 15 anni da favola anticipazioni e news: quel ‘c’era una volta’ d’oltreoceano firmato Real Time

5 isole bellissime da visitare in Europa nell’estate 2016