in ,

Attacchi di panico: non sono ‘solo capricci’, esistono e si possono dimostrare

Tremori, vertigini, senso di soffocamento e paura di morire sono solo alcuni dei sintomi degli attacchi di panico. Si tratta di un disturbo d’ansia sempre più diffuso in Italia e all’estero e negli ultimi anni la comunità scientifica ha cominciato a interrogarsi su quali siano le cause scatenanti. Sono stati distinti due fattori principali capaci di innescare le crisi: psicologico e biologico. Proprio il secondo è oggetto di studio da parte dei ricercatori, in quanto le ultime scoperte suggeriscono che il problema risieda primariamente in uno squilibrio chimico del cervello. Non si hanno ancora prove certe e indiscutibili, ma tutte le ricerche scientifiche sembrano convergere su questa ipotesi: l’attacco di panico non è un capriccio, ma ha un’origine chimica, biologica e genetica.

[button_1 text=”Scopri%20di%20più%20sugli%20Attacchi%20di%20Panico” text_size=”32″ text_color=”#000000″ text_bold=”Y” text_letter_spacing=”0″ subtext_panel=”N” text_shadow_panel=”Y” text_shadow_vertical=”1″ text_shadow_horizontal=”0″ text_shadow_color=”#ffff00″ text_shadow_blur=”0″ styling_width=”40″ styling_height=”30″ styling_border_color=”#000000″ styling_border_size=”1″ styling_border_radius=”6″ styling_border_opacity=”100″ styling_shine=”Y” styling_gradient_start_color=”#ffff00″ styling_gradient_end_color=”#ffa035″ drop_shadow_panel=”Y” drop_shadow_vertical=”1″ drop_shadow_horizontal=”0″ drop_shadow_blur=”1″ drop_shadow_spread=”0″ drop_shadow_color=”#000000″ drop_shadow_opacity=”50″ inset_shadow_panel=”Y” inset_shadow_vertical=”0″ inset_shadow_horizontal=”0″ inset_shadow_blur=”0″ inset_shadow_spread=”1″ inset_shadow_color=”#ffff00″ inset_shadow_opacity=”50″ align=”center” href=”https://urbanpost.it/attacchi-di-panico-un-aiuto-concreto”/]

->VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: ATTACCHI DI PANICO, UN AIUTO CONCRETO

Partendo dall’età adolescenziale, ad esempio, è stato scoperto tramite uno studio che ha coinvolto 1050 soggetti di età compresa fra 3 e i 21 anni come nei soggetti con attività frontolimbica alta vi è una maggiore possibilità di insorgenza degli attacchi di panico e dei disturbi d’ansia a partire dai 12 anni. Un altro studio, questa volta pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Neuroscience, ha messo in luce il ruolo della Dinorfina; si tratta di una sostanza prodotta dal nostro cervello e che come scopo principale ha proprio quello di attenuare gli stati ansiosi. Secondo lo studio, infatti, a bassi livelli di Dinorfina si associa un più alto rischio di crisi d’ansia e di panico. Un’altra ipotesi scientifica considera invece il ruolo dell’Amigdala: consiste in una struttura posta in entrambi gli emisferi del nostro cervello ed è stato dimostrato che un suo malfunzionamento – identificato come ipersensibilità dell’Amigdala – comporta un rischio molto alto di incorrere in stati d’ansia e attacchi di panico.

Anche i neurotrasmettitori sono alla base di squilibri chimici nel nostro cervello, alcuni di questi, come la dopamina, la serotonina, la noradrenalina e l’acido gamma-aminobutirrico regolano l’umore e le emozioni: un loro scompenso, dunque, potrebbe generare facilmente episodi di ansia e panico o anche depressione. Infine, un altro studio a favore della tesi è quello dello scienziato Alexander Neumeister: secondo il suo studio, un deficit o una riduzione del recettore neurochimico 5HT1A di circa un terzo rispetto ai valori standard nel cervello, potrebbe essere una causa scatenante degli attacchi di panico.

radiohead nuovo tour 2016

Radiohead Tour Italia 2017 data, biglietti, prevendita: concerto nel Bel Paese? Le ultimissime

criminologo cosa fa come si diventa

Criminologo: cosa fa, come diventarlo, quali sono i corsi di studio da considerare