in ,

Attentato a Dacca news, blitz forze speciali: le parole di un ostaggio italiano salvo per miracolo

Si è concluso con un blitz delle “Forze di azione rapida” del Bangladesh l’attentato di ieri, alle 7:40 del mattino ora locale (le 3.40 in Italia) nel ristorante Holey Artisan Bakery a Dacca, preso d’assalto da un commando armato dell’Isis composto, pare, da 8 jihadisti.

Circa 100 teste di cuoio hanno fatto irruzione nel locale, dove erano tenute in ostaggio 13 persone, di cui sette italiani, che sarebbero state tratte tutte in salvo e trasportate in ospedale. Il blitz è durato una decina di minuti, iniziato dopo il fallito tentativo dei militari di trattare con i terroristi. Secondo quanto riferito dai media locali, sarebbero stati uccisi 6 membri del commando, e trovati all’interno del ristorante 5 o 6 cadaveri, ma non è  chiaro se appartengano ai terroristi o agli ostaggi. Il bilancio provvisorio parla di “26 morti e 40 feriti”. Non è tuttavia ancora chiaro l’effettivo e preciso numero di persone coinvolte.

Tra gli ostaggi anche cittadini giapponesi e indiani; la Cnn parla di un ostaggio giapponese che sarebbe riuscito a fuggire durante il conflitto a fuoco, altre fonti di un argentino e due bengalesi soccorsi. “È stato tremendo, ma posso dire che oggi sono nato per la seconda volta” – queste le parole all’Ansa di Diego Rossini, il capo cuoco argentino di origine italiana preso in ostaggio e salvatosi per miracolo – “Devo ringraziare l’Italia per come mi ha aiutato in una vicenda così dura”.

Attentato a Dacca – Foto da Cnn Twitter

UEFA EURO 2016 1°Luglio facebook

Programmi Tv stasera 2 Luglio: Quarti di finale Italia-Germania e Agente 007 Missione Goldfinger

pesto basilico

Pesto alla genovese con basilico ricetta veloce