in ,

Attentato Manchester news, i social invasi da foto e appelli per i dispersi: “Aiutateci, siamo disperati” (FOTO)

Una sfilza di annunci sui social network, da Facebook a Twitter, passando per Instagram: l’attentato di Manchester di ieri sera, 22 maggio 2017, ha colpito la comunità occidentale specie per il target di età “scelto” dallo Stato Islamico. A differenza dei precedenti attacchi terroristici, infatti, questa volta il Califfato ha voluto colpire la frangia di “giovanissimi”: le vittime, per la maggior parte, hanno meno di vent’anni. E del resto la scelta non è stata casuale: l’Isis ha voluto colpire durante il concerto di Ariana Grande, una delle icone dei teenager degli ultimissimi anni.

—> Numerosi dispersi a Manchester durante l’attentato

Attentato Manchester, Georgina è la prima vittima: “Eccitata di vederti”

Destino beffardo, ad esempio, per Georgina Callander, 18 anni, prima vittima accertata. Almeno dai media britannici: ancora l’ufficialità da parte del Ministero britannico non è arrivata. “So excited to see you tomorrow” (così eccitata di vederti domani).  Sui social network arrivano i primi messaggi per lei: “Mia bellissima amica, spero tu riposi in pace. Ti amo e mi mancherai sempre.”scrive postando un cuoricino spezzato Sophie. La giovane è morta in ospedale.

Attentato a Manchester: i nomi dei dispersi

Attentato a Manchester, il tabloid locale, Manchester Evening News, ha postato la lista degli 8 nomi dei dispersi:  la diciassettenne Chloe Rutherford e il diciannovenne Liam Curry, il ventinovenne Martyn Hett, le scozzesi Laura MacIntyre ed Eilidh MacLeod, Courtney Boyle e Philip Tron, e la quindicenne Olivia Campbell.

—> Tutto sul mondo delle news

Ma gli appelli sono innumerevoli sui social network, specie su Twitter.

Erin, ad esempio, chiede aiuto affinché si possano avere notizie di sua sorella, presente al concerto di Ariana Grande ieri sera a Manchester. Della giovane diciassettenne non si hanno notizie.

E ancora, appello disperato della madre di Charlotte: quest’ultima è andata al concerto con il suo migliore amico ma di lei non c’è traccia. Il suo “compagno”, invece, è ricoverato in ospedale. “Ho chiamato ospedali e polizia. Mi hanno detto che non c’è nulla che io possa fare, posso solo aspettare. Sono a casa, da sola, e aspetto una notizia. Se qualcuno la vede — ha detto disperata la madre alle emittenti televisive britanniche — mi contatti. Dategli il vostro telefono e ditele di chiamarmi. Voglio solo che torni a casa.”

—> Attentato a Manchester: era stato annunciato su Twitter?

Attentato a Manchester: da Facebook ai tassisti, gli aiuti

Facebook ha attivato per le persone che erano nella zona colpita dall’attentato il suo Safety Check, la funzione per comunicare ai propri amici che non si è rimasti colpiti dall’esplosione. I tassisti della città hanno offerto corse gratis per tutta la notte per chi doveva tornare a casa o cercava parenti o amici coinvolti nell’attentato. La polizia ha anche attivato una linea telefonica di emergenza per le persone che stanno cercando gli spettatori dispersi.

Sigarette light, sono dannose quanto quelle normali e hanno aumentato i casi di tumore al polmone

Sigarette light: sono più pericolose di quelle normali, secondo uno studio scientifico

MOLISE TASSISTA ACCOLTELLATA NEWS

Roma incidente mortale: sedicenne investita da Taxi sulle strisce, l’ira degli abitanti del quartiere