in ,

Attentato a Manchester, paura Josep Guardiola: moglie e figlie erano al concerto di Ariana Grande

Per fortuna di Josep Guardiola solo tanta paura al concerto di Ariana Grande dove, la scorsa notte, si è consumato l’ennesimo attentato in Occidente. A Manchester, infatti, lo Stato Islamico ha colpito giovanissimi nonché fan di Ariana Grande. Tra i presenti al concerto della pop-star internazionale anche la famiglia di Josep Guardiola: l’allenatore del Manchester City lo ha reso noto su Twitter poche ore fa. 

—> La rivendicazione di Isis per l’attentato di Manchester

Guardiola ha evidenziato come non abbia parole per l’attentato di Manchester: “Sono in stato di shock. Non riesco a credere a quello che è successo. Le mie più profonde condoglianze alle famiglie e agli amici delle persone colpite.” Le condizioni dei familiari di Guardiola non destano preoccupazioni. Come riporta il Mundo Deportivo, infatti, la moglie Cristina Serra e le loro figlie Valentina e Maria sono sotto choc ma in buona salute.

—> Attentato Manchester: il disperato appello dei familiari

Anche Manchester City e Manchester United hanno espresso tutto il loro disappunto per quanto accaduto nella notte britannica. “Siamo profondamente colpiti dai terribili eventi di ieri sera alla Manchester Arena. – ha scritto la società del Manchester City –  I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per tutti coloro che sono stati coinvolti.” I Red Devills hanno aggiunto: “Le mie condoglianze a tutte le famiglie delle vittime a Manchester e a tutte le famiglie che perdono i loro cari in tanti paesi a causa di atti di violenza”.

Roger Moore è morto: si è spento all’età di 89 anni, fu 7 volte James Bond

Stefano Farina è morto: lutto nel mondo del calcio, ex arbitro e responsabile CAN B