in

Attentato Nizza: reazioni del mondo dello spettacolo italiano da Michelle Hunziker a Marco Carta e Laura Pausini

Indignazione e tanta tanta paura tra i protagonisti del mondo dello spettacolo italiano per l’attentato terroristico avvenuto a Nizza. I morti sulla Promenade des Anglais sono al momento 87, i feriti oltre 100, tra questi molti bambini. Il cordoglio e il dolore di tutti corre via web che in queste ore sta facendo da amara cassa di risonanza.

La conduttrice di Striscia la Notizia, Michelle Hunziker, su Facebook ha scritto: “Cosa sta succedendo a questo mondo…sono profondamente scossa e prego per le vittime della strage di Nizza…tristezza infinita”. Laura Pausini da Miami , dove si trova per lavoro, socializza il suo dolore che l’accomuna a quanti stanno seguendo le notizie da Nizza: “Si è appena conclusa per me una bellissima serata, ho cantato davanti ad un pubblico bellissimo e ho condiviso il palco con un’artista prezioso come Mario Domm. I Premios Juventud sono stati molto belli e Miami è una città splendida con me. Poi sono tornata a casa, ho fatto il bagno alla mia bimba e l’ho messa a letto.
Solo ora ho aperto il computer per vedere i vostri commenti sulla mia esibizione live di questa sera in tv e solo ora trovo la parola ‪#‎Nizza‬ ovunque.
Ho appena iniziato a leggere e sono sconcertata, ormai credo che siamo tutti senza parole..Ma cosa sta succedendo? Perché siamo di fronte ad un attacco terroristico quotidiano? Mi alzo, prendo Paola nel mio letto e la stringo forte e con le lacrime agli occhi per tutti coloro che hanno perso qualcuno anche stasera in Francia. Non so proprio cosa dire, cosa pensare, come reagire.. I miei pensieri e le mie preghiere vanno al nostro mondo lasciato allo sbaraglio ormai. Dobbiamo fare qualcosa. Non si può più andare avanti così.
Buona giornata a voi che la state iniziando, per me sarà una notte di pensieri importanti”.

Marco Carta, su Facebook scrive un lungo messaggio sconfortato e s’interroga su cosa potrà dire a suo figlio: “Non sono felice di essere nato in questi tempi durissimi, non sono felice di vivere nell’ansia, non sono felice di sentirmi impotente di fronte a tutto ciò.
Quello che è successo stanotte a Nizza è guerra, quello che è successo oggi non è più sopportabile.
Quando avrò figli con quale coraggio dirò a loro andrà tutto bene? Con quale faccia potrò permettermi di rimproverare un gesto sbagliato se questo mondo di merda vede il gesto sbagliato come l’ultimo dei problemi?  Io non ci sto, non voglio crederci. Quando ero piccolo spesso non mi mettevano il prosciutto nel panino, ma piuttosto un po’ di pomodoro olio e sale, dicevano che faceva bene….Vorrei che tutto fosse rimasto così, col senno di poi sarei voluto nascere ancor prima, per non vedere questi uomini vestiti di nero che uccidono nel nome dell’isis, per non sentire l’orribile suono degli spari..C’è chi vorrebbe già essere morto per non aver vissuto quei momenti. Invece c’è chi è morto proprio in quei momenti..Sono vicino a tutti i familiari delle vittime”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Placebo 20 Years, la band in Italia per un video-clip e le ultimissime sul concerto 2016 di Milano

Afterhours scaletta concerti 2016, Manuel Agnelli e colleghi partono con il Folfiri o Folfox tour