in

Aumenti bollette 2019: rincari per gas, Rc auto e autostrade

Nei primi giorni dell’anno la tredicesima (per chi ne ha beneficiato) potrebbe essere destinata quasi tutta a coprire l’aumento del carovita. Nel 2019 aumentano infatti le bollette di luce e gas, le multe diventano più salate e anche le tariffe per l’assicurazione dell’auto subiranno rincari. L’aumento dei costi per famiglia viene stimato tra i 500  e i 900 euro annui, ma nessuna paura: almeno fino a marzo potremmo risparmiare sull’energia elettrica grazie ad un leggero ritracciamento del petrolio. Risparmieremo così ben 50 centesimi su ogni bolletta, e pensare che c’era chi si disperava per l’aumento del costo della vita! Ingrati. I fuochi d’artificio quindi sono previsti per tutto il prossimo anno grazie agli aumenti tariffari. Giusto per fornire qualche numero riportiamo le stime dell’Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente: “Dal1° gennaio si registrerà una crescita del gas del 2,3%, legata alla dinamica delle quotazioni nei mercati all’ingrosso e all’aumento degli oneri generali (+1%)”.

Aumento del carovita per il 2019

Il conto, per favore

Se la spesa per assicurare case calde durante i mesi invernali aumenta, a restare invariata sarà invece quella per l’energia elettrica. Si registra un aumento della bolletta del gas dello 2,3% sulla spesa della famiglia tipo, aumento direttamente proporzionale all’incremento della spesa di approvvigionamento della materia prima (+0.9%). Notizie migliori, quantomeno in termini di mancato aumento del prezzo, sul fronte dell’elettricità. Il costo extra per la riattivazione degli oneri elettrici (+ 5%) sarà infatti controbilanciato per i primi mesi del 2019 dal deciso calo della componente a copertura dei costi per l’approvvigionamento della materia prima (-5,32% sulla spesa della famiglia tipo). Il costo dell’elettricità per il primo trimestre del 2019 sarà dunque sostanzialmente stabile (-0,08%). Per ora sono scongiurati i temutissimi aumenti. Ricordiamo che lo scorso ottobre, sempre per l’aumento dei costi di acquisto della materia prima – spiega l’Arera – gli italiani hanno subito un rincaro del 7,6% sulla bolletta della luce e del 6,1% per il settore gas. Da qui la decisione dell’Autorità di mantenere invariati gli oneri generali, per le tariffe applicate a partire dallo scorso 1 luglio. Tuttavia “il percorso di recupero del mancato gettito andrà, comunque, avviato a partire dal prossimo trimestre – quindi dal 1 gennaio 2019 – su un arco di tempo che, al momento, si stima dell’ordine di quattro trimestri”. 

Di quanto aumenta il costo della vita nel 2019

La spesa media per le famiglie italiane

Nonostante la buona volontà dell’Authority di procrastinare le operazioni di recupero del mancato gettito percepito, nel 2019 l’aumento sarà inevitabile e cospicuo: per Federconsumatori si arriverà ad un incremento di spesa, per famiglia, di 560,2 euro (tra il 1 aprile 2018 e il 31 marzo 2019) per la sola energia elettrica, e di 1.150 euro annui per il gas. Una visione più cupa della storia ce la fornisce la Codacons, invece, che stima un incremento, per famiglia, di ben 914 euro. Inoltre, per non farci mancare nulla, ricordiamo che i portafogli degli italiani dovranno anche fare i conti con l’andamento dell’inflazione. Nel caso questa rimanesse invariata rispetto ai livelli attuali ogni famiglia italiana dovrà preventivare circa 400 euro in più per l’acquisto di beni al dettaglio e generi alimentari. I conti possono farsi solo se il petrolio non giocherà brutti scherzi, altrimenti le ripercussioni sull’acquisto del carburante e, di conseguenza, sul trasporto dei beni, saranno inevitabili (+149 euro a nucleo famigliare). I prezzi per stipulare una polizza assicurativa per la responsabilità civile non aumenteranno sensibilmente (18 euro in media), mentre a salire saranno le “tariffe autostradali decise dal Governo che avranno un effetto diretto per gli utenti stimabile in +45 euro, mentre le multe stradali dovrebbero salire del +2,2%, con un aggravio di spesa di +6 euro a famiglia”, scrive l’Arera. Forse è arrivato il doloroso momento di rottura del salvadanaio.

UrbanPost consiglia –> Finanziaria 2019, le riforme del Governo Conte aumentano le tasse? L’analisi di Confindustria

Lino Banfi confessa: «Dovevo diventare prete, ma mi hanno cacciato perché spiavo le suore!»

Francesco Chiofalo dall’ospedale dedica da brividi: «Ora più che mai, ho bisogno di te!»