in ,

Australia pericolo terrorismo: falso allarme bomba, evacuato il ministero degli Esteri

In Australia è ancora allarme terrorismo dopo il sequestro di 40 persone avvenuto ieri nella cioccolateria Lindt di Martin Place, nel centro di Sydney. La vicenda, conclusasi nel sangue con un blitz della polizia in cui hanno perso la vita tre persone, è stata seguita da un allarme bomba, poi rivelatosi fasullo, a Canberra. Dopo il ritrovamento di un pacco sospetto nella zona del Parlamento, infatti, la polizia ha fatto evacuare il ministero degli Affari e del commercio estero. Dopo l’intervento di una squadra di artificieri della polizia federale australiana si è potuto appurare che il pacco giudicato sospetto era in realtà innocuo.

Rimane alta la tensione in Australia, dove lo spettro dell’Isis spaventa ed intimorisce. “La sollevazione dei musulmani e altri attacchi ‘domestici’ saranno “inevitabili” se l’Occidente continuerà con i suoi “crimini contro l’Islam”, avrebbero minacciato i jihadisti dell’Isis via Twitter, riferendosi al sequestratore iraniano che ieri a Sydney ha messo sotto scacco l’intera città per 16 ore.

Sydney selfie della vergogna

Sydney ostaggi in cioccolateria: i selfie della vergogna di turisti e passanti

Caso Marò ultime notizie

Caso Marò, richiesta libertà provvisoria: la Corte Suprema indiana respinge la loro istanza