in

Australia: una delle mete preferite per imparare inglese all’estero

Tra le mete preferite dagli italiani per studiare l’inglese all’estero non ci sono soltanto le solite Inghilterra, Scozia, Irlanda ma anche… l’Australia. Un dato che non dovrebbe sorprendere, dato che l’Australia, infatti, è considerata praticamente all’unanimità come il Paese dove si vive meglio al mondo, in quanto contraddistinto da modernità, fascino, spiagge e, al contempo, storia millenaria.

Insomma, il luogo perfetto per chiunque voglia imparare l’inglese direttamente sul posto, soprattutto visto che ancora oggi, nel nostro Paese, l’insegnamento e l’apprendimento dell’inglese non è considerata un’attività di fondamentale importanza, sia a scuola che in università. E questo, probabilmente, segna e contraddistingue la vita dei giovani italiani, ancora oggi così poco poliglotti!

Perché i giovani scelgono l’Australia per imparare l’inglese?

Ci sono diversi motivi che spingono un giovane ad intraprendere un viaggio così dispendioso e spesso complicato per imparare l’inglese. Ecco i principali:

  • L’Australia è il Paese dove si vive meglio al mondo: secondo alcuni dati statistici diffusi dalle Nazioni Unite, la qualità della vita nel Paese dell’Oceania è nettamente migliore rispetto a quella europea. Per questo l’Australia è considerata il secondo posto dove si vive meglio in tutto il pianeta
  • I corsi di inglese in Australia sono meno costosi: il Paese piace perché c’è la possibilità di imparare l’inglese ovunque ma senza spendere enormi cifre di denaro. Un fattore impossibile da non considerare, dato che in Australia ci si deve mantenere da soli e senza il costante aiuto dei genitori
  • Lo stile di vita è easy: l’Australia è circondata dall’Oceano e vi è uno stile di vita molto più rilassato e meno frenetico rispetto a quello delle metropoli europee come Londra o Dublino. Insomma, si vive anche con maggiore convivialità, fattore molto importante per un giovane che vuole imparare l’inglese sul campo e fare amicizia
  • Non è costosa e si ottengono lavoretti molto frequentemente: posto che in Australia è importante lavorare per mantenersi e rimanerci, qui è davvero molto facile trovare dei lavoretti che impegnano mezza giornata ma che permettono di guadagnare bene. Tra l’altro, parliamo di un posto il cui costo della vita non è certamente paragonabile a quello di Londra, molto più impegnativo per un giovane che non lavora o lo fa saltuariamente

Per entrare in Australia ci vuole il visto

È bene sottolineare che l’Australia ha una politica migratoria molto diversa dalla nostra e, sotto certi aspetti, anche più severa. Per poter raggiungere il Paese, è necessario munirsi di un visto, in questo caso per studenti, il cui nome è Student Visa. Si tratta di un documento che certifica la possibilità di rimanere in Australia per tutto il periodo della durata del corso di inglese. Per ottenerlo è necessario iscriversi al corso ancor prima di partire per la città di destinazione. La carta permette anche di lavorare part time e quindi di mantenersi. Al momento della conclusione del corso, se si vuole rimanere in Australia, è necessario ottenere un contratto di lavoro, che ti permetterà di stare nella tua città per tutta la sua durata. In caso contrario, bisognerà richiedere il Working Holiday Visa, della durata di un anno e che ti consentirà di lavorare nel Paese (ma con l’obbligo di cambiare lavoro ogni sei mesi).

L’Australia batte l’Inghilterra, quindi

I giovani italiani che vogliono imparare da zero o approfondire le proprie conoscenze di inglese preferiscono sempre più il Paese dei canguri e dell’innovazione. I nostri ragazzi, infatti, considerano l’Australia come il luogo del cambiamento e dell’esperienza, anche se questa richiede una lontananza da casa davvero sostanziosa e impossibile da evitare. Inoltre, parliamo di un ambiente davvero multiculturale: sebbene le politiche migratorie siano piuttosto restrittive, l’Australia vanta un vero e proprio mix di culture e popolazioni, da cui è davvero difficile non apprenderne i valori più importanti.

Reddito di cittadinanza, percepisce il sussidio, ma fa lo spazzino volontario: «Non voglio gravare su nessuno!»

Milan fuori dall’Europa League: si riaccende il sogno del Torino