in

Avellino: donna aggredita in strada a colpi di martello

Avellino orrore in strada: donna polacca presa a martellate in pieno centro dopo una lite. Sarebbero intervenuti i passanti per bloccare la ferocia dell’aggressore, che però è riuscito a dileguarsi prima che sul posto arrivassero le forze dell’ordine allertate dai testimoni. La vittima è una 37enne di origine polacca donna polacca, soccorsa e trasportata  di 37 anni è stata presa a martellate in pieno centro ad Avellino. L’aggressore si è poi dato alla fuga ed è tuttora ricercato dalla polizia. La donna è stata trasportata in ambulanza all’ospedale Moscati in codice rosso.

Secondo alcuni testimoni, il fuggitivo aveva nascosto l’arma in alcuni giornali e prima dell’aggressione avrebbe avuto un violento litigio con la 37enne. Si sarebbe trattato, dunque di un atto premeditato. E’ stato decisivo l’intervento dei passanti che hanno bloccato l’uomo. Le condizioni della donna ora sarebbero stabili: in ospedale sarà sottoposta alla tec per rilevare eventuali fratture interne. Gli investigatori non escludono alcuna pista.

Secondo la ricostruzione ricavata da alcune testimonianze dei testimoni oculari, l’uomo ha aggredito la donna armato di un martello e, dopo averle rivolto una serie di ingiurie e offese ad alta voce, l’ha colpita tra il volto e la testa con un violento colpo. La 37enne è caduta sull’asfalto e si è accasciata al suolo. A quel punto lui è scappato via. Mentre fuggiva avrebbe tentato di nascondere il martello avvolgendolo in alcuni fogli di giornale, che è stato però ritrovato dagli agenti. Sul posto si trovano al momento i medici del 118 che hanno disposto l’immediato ricovero della vittima, e i carabinieri, impegnati nei sopralluoghi sulla scena del crimine. soccorrendo anche una giovane studentessa che aveva assistito all’aggressione ed era stata colta da malore.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Manuela Bailo news: c’era un’altra persona in casa al momento del delitto

Miss Italia 2018, Diletta Leotta ‘demolita’ da Selvaggia Lucarelli: il post al vetriolo

detenuto creduto morto si risveglia

Rebibbia: neonato ucciso in carcere dalla madre detenuta, grave il fratellino