in

Baba Vanga profezie 2019 un anno terribile: tsunami in Estremo Oriente, attentato a Putin e…

Un anno davvero funesto ci attende, un 2019 terribile. Le previsioni della veggente bulgara Baba Vanga, scomparsa nel 1996, ritenuta da molti ancora oggi la “Nostradamus dei Balcani”, sono tutt’altro che incoraggianti. Non ci credete? Liberi di farlo, ma Vangelina Pandeva Gushterova, questo il vero nome di Baba Vanga, non avrebbe mai sbagliato un colpo. Le sue oscure oscure profezie avrebbero individuato con parecchio anticipo eventi che hanno cambiato la storia mondiale: dall’attentato alle Torri Gemelle del 2001 alla nascita dello Stato islamico, senza contare la Brexit.

Baba Vanga ha affermato nel suo «testamento spirituale» che il 2019 sarà invaso da “un’oscurità mondiale”. Per i prossimi 12 mesi la Nostradamus dei Balcani avrebbe predetto una misteriosa malattia per il presidente americano Trump, come ha la scritto l’agenzia bulgara Novinite, che lo renderà sordo e gli lascerà gravi danni cerebrali. Cattive notizie anche per Putin, che sarà bersaglio di un attentato, tuttavia non si sa che esito avrà. Baba Vanga avrebbe predetto pure un nuovo violento tsunami in Estremo oriente, come quello del 2004. Non se la passerà bene nemmeno l’Europa, che secondo l’indovina precipiterà in una grave crisi economica.

Intanto sui social il popolo del web si è scatenato, da un lato c’è chi crede alla previsioni, dall’altro chi è scettico. «Non si può anticipare il futuro!», ha affermato un utente. Eppure in Bulgaria Baba Vanga era un’istituzione. Secondo i suoi milioni di seguaci la donna era dotata di poteri sensoriali straordinari, capacità paranormali come la telepatia. Baba Vanga ha perso misteriosamente la vista all’età di 12 anni durante una tempesta. Tale mancanza avrebbe portato la donna a conquistarne un’altra: la preveggenza. La famiglia la ritrovò diversi giorni dopo in punto di morte con gli occhi sigillati e coperti di sporco. Qualche settimana dopo Baba Vanga raccontò di aver avuto la prima visione quando era dispersa. Con queste parole ad esempio la mistica ha descritto quanto sarebbe avvenuto l’11settembre del 2001: «Orrore! Orrore! I fratelli americani cadranno dopo essere stati attaccati da uccelli di acciaio. I lupi ululeranno dietro un cespuglio e scorrerà sangue innocente!». Tra gli altri eventi che Baba Vanga avrebbe lasciato nel suo testamento spirituale: la fine della fame nel mondo entro il 2028, le colonie di Marte con armi nucleari entro il 2256 e l’inabitabilità della Terra entro il 2341.

leggi anche l’articolo —> Profezie Nostradamus 2019: tra ironia e inquietudine, sarà davvero un anno funesto?

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi lunedì 31 dicembre

Oroscopo 2019 Paolo Fox: le previsioni segno per segno, cosa ci aspetta nel nuovo anno