in

Badger Maps, il software per pianificare itinerari stradali: il fondatore, “L’imprenditorialità è la soluzione ai problemi” [Intervista]

Abbandonare Google per fondare una startup? Si può fare! Ne abbiamo parlato con Steve Benson, ex Sales Manager di Google nonché fondatore di Badger Maps, una piattaforma che consente di pianificare in poche e semplici mosse gli itinerari stradali. Gli agenti di commercio sanno bene quanto possa essere importante, nonché redditizio, pianificare al meglio il proprio itinerario di spostamenti così da risparmiare tempo, carburante e, soprattutto, ottimizzare le ore lavorative: ma come fare? La sera tardi, dopo ore di lavoro, è spesso complicato pianificare la giornata successiva nel migliore dei modi: qui entra in gioco Badger Maps. Per conoscere meglio le funzionalità della piattaforma vi lasciamo alle parole di Benson.

Da ex Sales Manager di Google, raccontaci un po’ della Silicon Valley: come la descriveresti in 3 aggettivi?

“La Silicon Valley è intrepida (fearless), rischiosa (risk taking), e unica”

Com’è stata l’esperienza in Google?

“A mio parere Google è la miglior grande azienda per cui lavorare. Fanno un ottimo lavoro nel costruire una cultura aziendale incredibile e sono in grado di mantenere il feeling che si prova in una piccola azienda in termini di velocità e agilità perché creano piccoli team, suddividendo sostanzialmente la società su in una miriade di piccole aziende. Hanno parecchie risorse finanziarie che attingono dal loro cash cow per trovare soluzioni ad alcuni dei problemi più grandi e interessanti a cui ci troveremo di fronte nei prossimi 20 anni. Si prendono veramente cura dei propri dipendenti e hanno soldi per comprare una discreta quantità di felicità. Ricordate quando qualcuno ha detto che i soldi non fanno la felicità? Non era del tutto vero: se il tuo datore di lavoro spende molti più soldi su di te e ti paga maggiormente, porta la tua soddisfazione lavorativa alle stelle.”

Da Google a Badger Maps, come sei arrivato a voler fondare una startup e da cosa è nata l’idea?

“Ho speso la maggior parte della mia carriera nelle vendite sul campo e così ho capito le sfide affrontate dai rappresentanti di vendita in prima persona. Quando facevo parte del team di Google Maps, ho avuto modo di conoscere in prima persona quanto fosse potente la mappatura mobile e cosa era in grado di fare il settore “mobile”. Grazie a questo tipo di background, ho avuto la giusta preparazione per lanciare un’azienda che risolvesse i problemi di vendita sul campo tramite una piattaforma di mappatura mobile. Mi piace il fatto che condurre il mio business mi dia l’opportunità di creare un qualcosa: ogni giorno interagisco con persone le cui vite sono state migliorate grazie al prodotto che ho immaginato e che il mio team ha creato. L’imprenditorialità è l’unica cosa che mi viene in mente quando si trova un problema: si crea un business model in grado di risolverlo. Mi piace anche la sfida: quando si avvia una società, ci si sente come se il tuo compito fosse quello di far decollare un aereo partendo però dall’assemblaggio dei pezzi. Quando vedi che funziona, la sensazione è indescrivibile: è difficile per me immaginare un maggiore livello di responsabilità e controllo di quello di creare e gestire la propria attività. Si sono presentate una miriade di sfide quando ho iniziato Badger ma, se dovessi citare la più importante, sarebbe quella del metter su un formidabile team. C’è bisogno di una squadra di grandi persone per fare grandi cose!”

Parlaci un po’ di Badger Maps: cos’è, a cosa serve e come funziona?

“Badger consente la gestione automatica del territorio ai rappresentanti di vendita, aiutandoli ad agire rapidamente sui dati dei propri clienti su una mappa così da potersi concentrare sulle migliori opportunità. Gli agenti di vendita utilizzano Badger per ridurre i tempi di guida del 20% e aumentare la produttività del 25%. Badger permette di ottimizzare automaticamente orari e percorsi per ottenere più appuntamenti e vendite.”

Badger Maps e l’internazionalizzazione: quali sono i risultati ottenuti sino ad ora?

“Il mercato europeo per Badger è grande tanto quanto il mercato statunitense: la nostra app funziona benissimo in tutta Europa. L’Europa è piena di agenti di vendita che operano sul campo e crediamo che Badger avrà un grande successo in Europa tanto quanto quello avuto negli Stati Uniti. Recentemente abbiamo tradotto il nostro sito web in tutte le principali lingue europee. Finora abbiamo avuto più successo in Francia e Germania, anche se non so esattamente perché.”

Seguici sul nostro canale Telegram

device cinesi

Migliori smartphone Android cinesi economici ottobre 2016: Vernee Thor, Zuk Z2 Pro, Meiuzu M3 Note e Xiaomi RedMi Note 3 Pro

Il Segreto anticipazioni 23-29 ottobre 2016: Bosco e Francisca, la rivelazione