in

Ballarò: l’obiettivo di Massimo Giannini è avere uno scoop alla settimana

Massimo Giannini torna a parlare di “Ballarò”, che partirà martedì 16 settembre, e delle sue dimissioni da ‘La Repubblica’. Voleva cambiare il titolo del format ma si è capito che sarebbe stato un errore. Floris è un suo amico e non lo criticherà. Pensa che sia superato un talk show come uno “scontro” tra due curve contrapposte. Che senso ha mettere la destra contro la sinistra quando governano insieme? I giornalisti poi dovrebbero avere una posizione loro e non uno di fronte all’altro. il conduttore Massimo Giannini

Il comico Maurizio Crozza e il sondaggista Pagnoncelli per Ipsos sono passati a La7 con Floris. Cambierà la conduzione che si baserà su dati, fatti e numeri e non su ideologie. Gli inviati racconteranno delle storie e soprattutto troveranno notizie perché l’obiettivo è uno scoop alla settimana. Non sempre sarà possibile ma ci si proverà. Di Vespa dice che è un’istituzione mentre di Santoro dice che è un maestro. Fà un accenno anche a Gad Lerner che un narratore dell’ultimo ventennio. Per quanto riguarda il suo ingaggio e alle critiche dell’Usigrai alla Rai dice che li capisce e bisognerebbe chiedersi perché accade che un direttore di un tg o il conduttore di un programma non venga scelto all’interno dell’azienda.

Malato ebola scappa da quarantena

Ebola: malato scappa da quarantena, panico tra la gente al mercato

Tribunale di Palermo respinta la richiesta di scarcerazione al boss che si fingeva Jonny Stecchino

Palermo: mafioso si finge pazzo come Jonny Stecchino, il gip gli nega la scarcerazione