in

Ballarò, Meloni: bloccare gli sbarchi finché non si è sconfitto Isis

Ballarò, è scontro durissimo tra il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri Sandro Gozi. “Serve una missione Onu o, meglio ancora, europea– spiega la Meloniper presidiare le coste della Libia affinchè i jihadisti smettano di imbarcare poveri innocenti che tentano di raggiungere le nostre coste. Dovremmo costruire dei centri di accoglienza lì– continua- per fare una scrematura tra chi ha davvero diritto d’asilo e chi no“.

Non solo, la leader della destra italiana attacca: “Dovremmo smettere di fare accoglienza finchè non sarà sconfitto l’Isis“. Lo scontro sulle opportunità di un intervento armato in Libia è continuo ed insostenibile e per quasi tutta la puntata i due si urlano addosso, tanto che Massimo Giannini è costretto più volte ad abbassare il volume dei microfoni dello studio: al centro dell’accesissima discussione la responsibilità politica del caos libico. Per ognuno dei due litiganti, infatti, è colpa del governo di appartenenza dell’altro.

Il problema non è combattere la Libia– conttobatte lo psicologo Paolo Crepet– ma un gruppo di terroristi internazionali che sono anche in Libia ma anche in altre parti del mondo. Se prima non capiamo bene chi sta dietro all’Isis, in termini di controllo economico e petrolifero, non andiamo da nessuna parte e rischiamo anzi di peggiorare la situazione”.

ballaro houellebecq

Ballarò, Houellebecq: Charlie Hebdo è solo l’inizio

Tavecchio contro le donne

Tavecchio sfiducia Lotito: FIGC toglie le deleghe al presidente della Lazio