in

Bambina di sei mesi lacerata da una supposta: è successo a Marina di Massa

Il fatto sconcertante è accaduto a Marina di Massa, al pronto soccorso dell’ospedale delle Apuane. A seguito di una caduta accidentale dal passeggino una bambina di sei mesi è stata portata dai genitori al Noa per escludere un eventuale trauma cranico. Arrivata in ospedale la bambina è stata controllata dallo staff medico. Per abbassarle la temperatura e per calmarla, il pediatra di turno dispone la somministrazione di una tachipirina in supposta.

L’infermiera avrebbe commesso un grave errore: anziché inserire la supposta nel retto, l’ha infilata in vagina, provocando una dolorosa, seppur lieve, lacerazione. «Appena ho visto quello che ha fatto quell’infermiera alla mia bambina mi sono messa a urlare: ‘ma che cos’ha fatto?!’» ha raccontato piena di rabbia la madre della piccola alla Voce Apuana, denunciando un nuovo caso di malasanità. «È inaccettabile che queste cose possano succedere in un ospedale – afferma – per di più da parte di professionisti. La bimba fortunatamente sta bene da un punto di vista emotivo e empatico, ma potrebbe essere compromessa da un punto di vista ginecologico. Faremo sicuramente denuncia contro la responsabilità medica, e presenteremo anche una richiesta danni. Non possiamo tacere e farla passare liscia», ha proseguito la mamma della bambina che intende appunto agire legalmente contro l’ospedale. I genitori hanno precisato che l’infermiera, accortasi dell’errore ha chiesto scusa. Nel referto però alcuni particolari della vicenda sarebbero stati omessi. «Nella mattina di domenica, quando stavamo per uscire dall’ospedale ci viene consegnato il referto in cui hanno omesso volontariamente molti dettagli e hanno scritto ‘la mamma sostiene che…’. Al che mi sono impuntata per fare in modo che venisse cambiato e venisse scritta la realtà. L’unica cosa che hanno cambiato è che in fondo al referto è stata aggiunta la dicitura ‘tentativo di…’. Ma ancora, non si è trattato di un tentativo, dal momento che l’atto è stato compiuto effettivamente: c’è una bella differenza tra un’azione tentata e un’azione compiuta». Una brutta avventura per la famiglia milanese che si trovava in vacanza a Marina di Massa. A pagarne lo scotto una bambina di appena sei mesi, ecco questo dovrebbe far riflettere.

«Fortunatamente la supposta è uscita, ma la bimba perdeva sangue e piangeva  hanno deciso così di ricoverarla. È stata visitata da un ginecologo che ha confermato la presenza di una lacerazione all’organo genitale. (…) Ci hanno dimesso dall’ospedale il pomeriggio di domenica 19 agosto, la bimba è con noi e sembra stare bene, ma ogni volta che cambiamo il pannolino vediamo questa piccola lacerazione. Il rischio è che abbia subito una lacerazione permanente» ha dichiarato sempre la madre preoccupata, oltre che sconvolta, per quanto successo. Intanto è di queste ore la dichiarazione dell’Asl Toscana Nord Ovest, che in una nota ha affermato: «Anzitutto la Asl si scusa se nella gestione della piccola vi sono stati motivi di incomprensione tra i sanitari e la famiglia. Dalla ricostruzione dei fatti non risulterebbero lesioni imputabili alla somministrazione del farmaco, come è confermato anche dal referto della visita ginecologica, che si è tenuta il 19 agosto alle ore 00.46. Per maggiore sicurezza e per tranquillizzare la famiglia, i sanitari del NOA hanno proposto ai genitori una visita specialistica all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, che però è stata rifiutata». La madre stessa aveva raccontato ai giornalisti di voler far controllare la bambina da un ginecologo di sua fiducia nel capoluogo lombardo di residenza. Non ci resterà che attendere i prossimi giorni per capire se si è di fronte all’ennesimo caso di incompetenza e di malasanità. 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Roma, aggredita a Piazza Vittorio da profughi: «Spesso ho paura. Metto in guardia le turiste»

Stefano De Martino gossip news, vacanza ‘scottante’ con Gilda Ambrosio