in ,

Bambini al mare: regole di bon ton per genitori e figli

Essere all’aperto, in spiaggia, sentirsi liberi, non significa diventare maleducati ed esporsi a critiche da parte del vicino, oltre che a litigi che non ha davvero senso affrontare. I bambini, se beneducati, dovrebbero sapersi comportare bene ovunque. Ancor di più se vivono a fianco di persone sconosciute che vogliono trascorrere serenamente la loro giornata al mare.

Quindi osserviamo alcune regole:
il bambino deve divertirsi quindi, se comincia a essere insofferente, noioso, capriccioso, bisogna capire il motivo e cercare di ristabilire la tranquillità. I bambini appena arrivano in spiaggia devono essere spalmati della crema nel modo giusto, dotati del cappellino e, quindi, saranno pronti per poter “uscire” dall’ombra del sotto l’ombrellone senza essere rincorsi e lanciare grida assurde.

In quasi tutti i lidi ci sono posti dedicati a loro, assolutamente impensabile lasciarli giocare a bocce o racchette o a palla in mezzo agli altri ombrelloni. Alcune mamme non vogliono sacrificare il loro relax sulla sdraio, ma perché i vicini devono sopportare tranquillamente urla e timore di bocce sparate improvvisamente? Quindi, a turno, si consiglia che una mamma (o un padre, o la babysitter) si trasferisca nel reparto giochi, con un asciugamano e stia ad osservarli da lì. Informatevi di come sono le spiagge in cui vi recherete. Se adatte ai bambini o se solo frequentate da adulti. Ci sono lidi con animatori, baby sitter, in cui si organizzano sport e giochi per i bimbi. Sono davvero l’ideale per tutti. E se il bimbo ama continuamente stare in acqua, trasferitevi vicino al mare, con secchiello e palette e restate, nelle ore meno calde, un po’ in riva. Nelle ore più calde il bimbo starà meglio a casa, oppure, se siete lì in giornata, portatelo sotto l’ombrellone ed intrattenetelo leggendogli un libretto.

Corona e Belen

Fabrizio Corona e la verità su Belen Rodriguez: “Mi tradiva”

Chiara Cainero Diana Bacosi Olimpiadi Rio 2016

Olimpiadi Rio 2016 tiro al volo, chi sono Diana Bacosi e Chiara Cainero oro e argento nello skeet