in ,

Bambini che contano, matematici si nasce

Con la matematica è così: o la ami o la odi, non c’è via di mezzo. Anche gli esperti si domandano da tempo da dove derivi questa capacità umana -il cosiddetto “senso del numero”-, se sia frutto solo dell’apprendimento, tanto studio e buoni insegnanti, o se ci sia una componente naturale.matematica mania

La capacità intuitiva e spontanea di cogliere la differenza tra gruppi di oggetti di diverso numero, di percepire ‘a occhio’ una certa quantità, ce l’hanno anche molti animali (piccioni, delfini, api, macachi) che, per esempio, tra due cesti in cui hanno visto deporre del cibo, riescono a scegliere quello che ne contiene di più, in quanto dotati di una “proto matematica”. Probabilmente tale capacità è stata utile per la sopravvivenza ai nostri antenati, che riuscivano a valutare in un istante la pericolosità di un gruppo di predatori.

Ma la domanda è: avere un senso del numero più o meno sviluppato ha a che fare con la capacità di essere bravi o no in matematica? Parrebbe di sì. La Duke University, negli Stati Uniti, specializzata nella ricerca sulla  cognizione matematica, ha sottoposto ad un test 48 bambini di sei mesi per valutare il loro senso del numero. La tecnica consisteva nel fare osservare loro due insiemi di punti neri su uno schermo, uno con 10 punti che cambiavano di dimensione, l’altro con punti neri che cambiavano anche di quantità, fino a 20. Ebbene, colpiti dalla novità e dal cambiamento, i piccoli hanno mostrato maggiore interesse, intrattenendosi per più tempo nell’osservazione, per i punti del secondo insieme. Tre anni dopo questa prova, in età da asilo, gli stessi 48 bambini sono tornati al laboratorio per sottoporsi ad altri test con cui sono state misurate le loro capacità matematiche ed il risultato è stato che i bimbi che a sei mesi avevano guardato di più lo schermo con i punti che cambiavano di numero hanno ottenuto risultati migliori degli altri.

Pallottoliere – Image credits: Shutterstock

Seguici sul nostro canale Telegram

VIDEO – Quando il calcio è “felicità”: le esultanze più belle e originali

Grande Fratello selezioni Bologna

Grande Fratello, a Bologna le selezioni l’8 e il 9 novembre 2013