in ,

Bandiera italiana, nata il 7 gennaio del 1797, ha attraversato i secoli tra leggende e storia

La storia della bandiera italiana, inizia ufficialmente il 7 gennaio del 1797, allorquando il Parlamento della Repubblica Cispadana, con decreto adotta lo Stendardo Cispadano di tre colori Verde, Bianco, e Rosso, gli stessi colori da utilizzare “Nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti”. Intorno ai tre colori del vessillo italiano si sono profusi grandi poeti da Giovanni Pascoli a Giosuè Carducci e diversi altri, secondo una romantica poesia il verde era stato scelto per ricordare i nostri prati, il bianco per le nevi perenni, ed il rosso in memoria dei soldati che erano caduti nelle tante guerre. In realtà il significato è ben più profondo, meno romantico e molto più travagliato.

Il nostro Tricolore si ispira chiaramente alla coccarda distintiva della coccarda della rivoluzione francese, e prima del passaggio ufficiale del 7 gennaio di quel 1797 a Reggio Emilia era stata adottata da due studenti di Bologna, Giovanni Battista De Rolandis e Luigi Zamboni, che nel 1794 furono protagonisti di una ribellione popolare contro il potere assolutista che da 200 anni teneva in scacco la città. I due giovani utilizzarono il tricolore ispirato alla sommossa parigina con il verde al posto dell’azzurro francese. Il tricolore simboleggiavano i “Diritti dell’Uomo”, valori che volevano si affermassero erano Giustizia, Uguaglianza, Fratellanza, comune traguardo ai francesi e a tutti popoli che aspiravano alla democrazia, alla prosperità e alla dignità.

Dunque la coccarda con i tre colori verde, bianco e rosso per la prima volta è apparsa sui vestiti dei patrioti nella sommossa di Bologna. Il 18 maggio del 1796 gli stessi colori sono recepiti da Napoleone, a Milano, e questi consegna alla Guardia Civica, alla Legione Lombarda e alla Guardia Nazionale una bandiera a strisce verticali verde bianca e rossa, pronunciando queste parole: “Visto che loro (i due studenti) hanno scelto questi tre colori, così siano”. Il 9 ottobre 1796 la Legione Italiana riceve sempre da Napoleone un vessillo con gli stessi colori. Sempre nel 1796 il 28 ottobre il Senato di Bologna decreta: Bandiera coi colori Nazionali, richiesto quali siano i colori Nazionali per formarne una bandiera, si è risposto il Verde il Bianco ed il Rosso, simbolo della nuova Repubblica Cispadana, primo passo per la futura Repubblica Italiana. Il 7 gennaio del 1797 a Reggio Emilia, i partecipanti dell’assemblea adottano il nuovo stendardo che oggi ancora riconosciamo come il nostro.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

pino daniele moglie e amante

Pino Daniele morte, la moglie contro la compagna: “Voglio la verità”

disoccupazione record

Lavoro: per l’Istat record disoccupazione al 13,4%, i giovani senza lavoro sono il 43,9%