in

Baratto, proposta di legge in Emilia-Romagna

La Regione Emilia Romagna prova a trovare una soluzione alla mancanza di denaro liquido e apre le porte a forme di pagamento alternative all’euro. Come? Proponendo il baratto come antidoto alla crisi.

denaro rassegna filosofica Misano

Promuovere diverse forme di economia solidale: questo la proposta di legge arrivata sul tavolo della Commissione Politiche economiche. Via (quasi) libera, dunque, a scambio di beni e servizi al posto del pagamento in euro, ma anche a gruppi d’acquisto e commercio a chilometro zero.

È la prima volta che una regione mette per iscritto la volontà di regolamentare iniziative legate al baratto. Un terreno su cui negli ultimi mesi sono sorte iniziative in tutto il territorio emiliano-romagnolo e che ora la Giunta guidata da Vasco Errani vorrebbe regolamentare con una legge ad hoc.

A Rimini, ad esempio, la Camera di Commercio aveva già lanciato un progetto pilota denominato Quinc, ovvero una rete economica di scambio, dedicata a imprese in difficoltà che si scambiano beni e servizi con un occhio di riguardo alle imprese più vicine. Altro esperimento è quello che prende il nome da una moneta locale virtuale, l’Emiro, creata da una società di Bologna.

 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Laura Tangherlini e il fuori onda che impazza sul web: “Me ne vado, me so’ rotta er…” (VIDEO)

amici 13

Amici 13: Maria De Filippi non concorda con Grazia Di Michele per il giudizio su Deborah