in

Barbara d’Urso a Pomeriggio 5: il mistero della spalla e dei cerotti verdi

Cosa è successo a Barbara d’Urso, la conduttrice di Pomeriggio 5? In molti, sintonizzandosi oggi pomeriggio, venerdì 9 settembre 2016, su Canale 5 per vedere l’amatissimo programma dell’ammiraglia Mediaset, hanno notato che sulla spalla della conduttrice vi erano dei cerotti verdi, delle strisce di scotch di colore verde fluorescente che contrastavano con l’abito giallo canarino indossato dalla stessa d’Urso. Gli stessi telespettatori, quindi si sono chiesti cosa potesse essere successo alla “Bislacca” e hanno iniziato a preoccuparsi.

Nulla di grave. Barbara d’Urso, abituata ad andare in video anche con la febbre alta, perché “the show must go on“, ha rassicurato tutti. Dopo le vacanze, infatti, una delle conduttrici di punta di Mediaset non ha solo ripreso in mano i suoi storici programmi, ma ha anche iniziato nuovamente a seguire i corsi di danza, o meglio le lezioni private di ballo per unire l’utile al dilettevole e quindi allenarsi e rimanere in forma facendo ciò che più le piace. Proprio durante una di queste prime lezioni Barbara d’Urso si è fatta leggermente male alla spalla ed è stata curata attraverso quei cerotti che sono comparsi in video nella puntata di oggi di Pomeriggio 5 e che molti hanno già visto sui corpi scultorei dei ballerini di Amici, il talent di Maria De Filippi.

Ebbene sì come Stefano De Martino e colleghi, ma anche come alcuni sportivi, Barbara d’Urso è dovuta correre ai ripari e incerottarsi la spalla dolorante per poter continuare a fare tutto ciò che ama e per far fronte a tutti gli impegni professionali presi.

Nella prima puntata di questa edizione di Pomeriggio 5, invece, Barbara d’Ursi si era presentata con le ginocchiere per evitare di ripetere la caduta dalle scale della passata edizione e precipitare rovinosamente a terra.

Belen, Iannone

MotoGp San Marino, Iannone cade e si fa male: la preoccupazione di Belen Rodriguez

Attacchi d'asma integratori

Attacchi d’asma: integratori di vitamina D aiutano a ridurli, uno studio lo dimostra