in

Barbara D’Urso Facebook: una conduttrice dal pugno di ferro

Nonostante la bufera scatenatasi a causa dell’Ordine dei giornalisti, Barbara D’Urso su Facebook, ma anche sugli altri social, pare non essersi lasciata influenzare da ciò che sta succedendo attorno a lei tanto da postare, anche se potrebbe esserci un messaggio nascosto, una foto di lei, prima delle diretta di oggi, con una maglia con su scritto: “sono una donna dal pugno di ferro” e con il disegno di lei intenta a lanciare il suo Carmelita smack, ormai marchio di fabbrica, con il ferro da stiro in mano.

La conduttrice di Pomeriggio 5 e Domenica Live, per la cui difesa è sceso in campo anche Matteo Salvini, sempre dalla parte delle casalinghe, ieri, sempre su Facebook, aveva invece postato i ringraziamenti per gli ottimi ascolti raggiunti dal programma pomeridiano che conduce sull’ammiraglia Mediaset scrivendo: “Ieri record stagionale di Pomeriggio5.. Una media di 3 milioni di spettatori con punte di 3 milioni e mezzo!! GRAZIE! #pomeriggio5 #record #auditel #ascolti #mediaset #tv #grazieeeeee #ascoltifantastici #finendomoltoalti #viamotutti #instagood #instacool” mentre il giorno prima ancora aveva riportato una notizia Ansa annunciando con gioia che era stata assolta da una causa per diffamazione.

Definita da molti la regina del trash, ma amata da una buona fetta del pubblico televisivo che continua a premiarla nella sfida dei dati Auditel, Barbara D’Urso pare essere quindi una vera conduttrice dal pugno di ferro pronta a continuare a lavorare nonostante tutto e a continuare a macinare successi senza lasciarsi scalfire dalle accuse e dalla critiche che le vengono mosse contro nonostante in molti, però, si sarebbero aspettati una sua risposta “social” all’ultima accusa piombatale fra capo e collo visto quanto successo, invece, per le liti con ex tronisti o ex ospiti.

Verissimo

Anticipazioni Verissimo 29 novembre: ospiti Deborah Iurato, Cristina D’Avena e il Don Anselmo de “Il Segreto”

tapiro d'oro a Massimo Ferrero

Striscia la notizia: Tapiro d’oro a Massimo Ferrero, deferito dalla FIGC