in

Bari, bambino di 9 anni arriva in chiesa in Ferrari per la Prima Comunione

La Prima Comunione è un momento particolare e magico per ogni bambino. Nella chiesa cattolica tramite la prima comunione i bambini si avvicinano per la prima volta al sacramento dell’Eucaristia. Insomma un momento che dovrebbe essere del tutto spirituale, ma a Bari non è stato così. Un bambino di nove anni, figlio di un boss in carcere, si è presentato in chiesa a bordo di una Ferrari. Un fatto che ha sconvolto l’intera comunità e soprattutto il prete della chiesa del Redentore nel quartiere Libertà di Bari. Una comunione davvero sui generis e nel lusso più totale, che va a cozzare di netto con il significato puro e spirituale del rito religioso.

Leggi anche –> Manduria, pensionato ucciso: otto fermi, sei minorenni

Una comunione extra lusso

Domenica scorsa, 28 aprile 2019, il figlio di solo 9 anni di un boss in carcere ha fatto la Prima Comunione. Un fatto di per sé normale se non fosse per il modo in cui si è presentato in chiesa. Il bambino si è fatto lasciare al bordo del sagrato della chiesa del Redentore del quartiere Libertà di Bari da una Ferrari cabrio rossa. Il bambino una volta sceso dalla macchina di lusso si è recato verso i suoi famigliari tra lo stupore di tutti i fedeli presenti. Il padre del bambino, invece, non era presente perché il giudice gli aveva negato il permesso di poter partecipare. A movimentare la domenica dedicata alle Comunioni non è stato solo l’arrivo in Ferrari del figlio del boss, ma anche lo spettacolo di fuochi pirotecnici organizzato da un’altra famiglia, sempre legata alla mala locale, per festeggiare un’altra Comunione. Tutto questo ostentare il proprio potere e la propria ricchezza in un momento che dovrebbe essere solo spirituale ha fatto arrabbiare moltissimo il parroco don Antonio D’Angelo, che ha detto la sua durante l’omelia.

Le parole di don Antonio D’Angelo

Don Antonio D’Angelo non è uno sprovveduto e da anni ha a che fare con situazioni assurde che lo spingono sempre più a perdere la pazienza. Domenica, 28 aprile, durante le Comunioni nella sua parrocchia non è riuscito a rimanere in silenzio e ha deciso di esprimere il suo pensiero durante l’omelia. Il parroco ha così ammonito le famiglie della sua comunità: «Mai viste cose simili che detesto e non approvo affatto. Non hanno nulla a che vedere con i sacramenti». Poi dopo lo spettacolo pirotecnico ha aggiunto: «Mai avrei pensato a quello che sarebbe successo di lì a poco. Ho ironizzato perché qualche giorno prima c’era già stato un episodio analogo per la prima confessione di un bambino». Insomma una giornata per la Prima Comunione davvero molto particolare e che sicuramente rimarrà per molto tempo impressa nella memoria di molti.

Leggi anche –> Ragusa, poliziotto uccide la moglie e si suicida

Meteo Primo Maggio 2019 ultime news: che tempo farà domani

Diletta Leotta super sexy su Instagram, l’abito blu mette in risalto un particolare da urlo