in

Basket, Nba playoff 2016: Thompson è l’eroe che non ti aspetti, Golden State vola a gara 7

Se ad Est Lebron James festeggia la sesta finale consecutiva di Nba, a Ovest bisogna attendere ancora qualche ora per poter scoprire chi sarà la finalista. Sì, perché nella incredibile sfida tra Oklahoma City Thunder e Golden State Warriors siamo giunti a gara 7 dopo che Durant e compagni hanno avuto l’occasione di chiudere la pratica in due partite sprecando, però, l’occasione di eliminare i campioni in carica. Curry e compagni, con una prova di assoluto orgoglio, sono riusciti a rimontare lo svantaggio iniziale e, adesso, potranno giocare la partita dell’anno sperando di poter ripetere la stessa, identica, finalissima dello scorso anno.

In gara 6 ad avere la meglio sono stati i Warriors trascinati da un Klay Thompson spaziale: 41 punti per lui di cui 11 triple su diciotto provate, un’infinità di doppie messe a segno (14/30) e tre rimbalzi difensivi a suggello di una prova pazzesca. La partita, terminata con il punteggio di 108-101, ha avuto in Steph Curry e Kevin Durant gli altri due protagonisti della notte: il leader dei Warriors ha messo a segno ben 29 punti di cui 6 triple e una media, non ottimale, dal cuore dell’area con 8/21.

Bene, invece, in fase difensiva con 8 rimbalzi difensivi capaci di neutralizzare gli attacchi di Westbrook e Kevin Durant. Proprio quest’ultimo, ha provato fino alla fine a essere decisivo anche in questa gara 6 tra Oklahoma City e Golden State: i 29 punti messi a referto, però, non sono bastati.

calciomercato roma news

Euro 2016 convocati Repubblica Ceca: analisi della rosa

Dove vedere Juventus Torino

Dove vedere Juventus – Empoli: ora diretta tv, streaming gratis Final Eight Primavera