in ,

Batman v Superman Jeep Renegade: il pipistrello cambia veicolo e lascia la classica Batmobile

In America non si attende altro: “Batman v Superman: Dawn of Justice” sarà al cinema il prossimo 25 marzo mentre in Italia arriverà due giorni prima, il 23. Verrebbe da esclamare finalmente dopo le varie vicissitudini vissute da questa produzione che, in realtà, doveva essere riprodotta sugli schermi cinematografici a luglio 2015 ma poi rinviata, in primo luogo, a maggio 2016, periodo in cui è prevista l’uscita di un’altra pellicola amata dagli appassionati dei supereroi qual è “Captain America: Civil War”. Nel nuovo film realizzato dal regista Zack Snyder e curato, nei minimi dettagli, dalla fotografia di Larry Fong, la novità più interessante riguarderà proprio Batman: l’uomo-pipistrello, infatti, viaggerà non più sulle consuete “Batmobili” a cui siamo abituati ma, piuttosto, sul suv più cool del momento quale risulta essere la “Jeep Renegade”.

L’automobile più amata dagli esperti del settore sarà presente in “Batman v Superman: Dawn of Justice” grazie a una partnership tra la casa di produzione della pellicola, la Warner Bros, e la FCA, marchio che ha prodotto la nuova “Jeep Renegade”. L’auto sarà proposta in due tinte: la classica “Granite Crystal” e nell’esclusivo “Carbon Black” ed ha la particolarità di avere dei cerchi da 18’’. Inoltre, ci saranno le placche personalizzate “Dawn of Justice” per richiamare proprio il nome della pellicola e Ben Affleck, l’attore che avrà l’onore di vestire i panni di Batman, potrà contare su un motore 2.4 benzina.

Ma come è nata questa collaborazione tra la Warner Bros e la FCA? A renderlo noto è stato il chief manager dell’azienda automobilistica, Olivier Francois, il quale ha dichiarato alla stampa come: “Gran parte delle scene del film sono state registrate alle spalle della nostra sede di Detroit e ciò ci ha consentito di collaborare a pieno regime con la Warner Bros raggiungendo un’integrazione molto organica.”

inchiesta yara gambirasio

Caso Yara, spunta un testimone: visto Bossetti in macchina con Yara

L’eco di Chernobyl, un insolito viaggio nella città fantasma di Pripyat trent’anni dopo il disastro