in

Belen Rodriguez e Stefano De Martino separazione: due diversi modi di reagire, lui in silenzio, lei social

Belen Rodriguez e Stefano De Martino hanno deciso di separarsi e la notizia sta monopolizzando il gossip di queste ultime ore. La showgirl argentina è però molto criticata dai fan sui social network per come sta reagendo dopo la notizia della fine del suo matrimonio. Belen sta postando sui suoi profili social immagini di come trascorre il proprio tempo dopo la separazione dal marito: bellissima come sempre, dopo aver dedicato una serata al figlio avuto con Stefano, la showgirl ha passato una serata son gli amici, pubblicando le foto dell’avvenimento sui suoi seguitissimi profili in internet.

La reazione dei fan è stata molto critica: “Grazie Belen per aver fatto un comunicato Ansa per aggiornarci della tua separazione, non aspettavi altro”, un altro internauta scrive: “Tutti a dire che ognuno vive il dolore, la vita, le gioie, i rapporti e la tristezza a proprio modo. Io continuo a dissentire. Finisce un matrimonio, due persone legate da un figlio e da una promessa per l’eternità si separano. Una delle due continua a farsi foto e a cercare di attirare l’attenzione. Non c’è più rispetto. Chissà cosa penserà il bimbo quando vedrà queste foto da grande nel pensare che mamma e papà si erano appena separati”.

Stefano De Martino invece si è chiuso in un silenzio ancora impenetrabile. I fan continuano a tenere sott’occhio i suoi profili social, ma il ballerino napoletano ha concesso solamente al padre e alla sorella di fare delle brevi esternazioni in pubblico sulla sua separazione, mentre lui ha scelto di vivere questi primi giorni lontano dal clamore mediatico.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Concessionaria Audi Volkswagen Scotti: a Livorno auto usate e nuove per ogni esigenza

Emma Marrone Facebook

Natale 2015: gli auguri social di Emma Marrone, Marco Carta e Francesco Facchinetti