in ,

Belgio: primo caso di eutanasia su minore nelle Fiandre

In silenzio e nella discrezione più assoluta per la prima volta nel nostro Paese un minorenne è morto per eutanasia“, così una testata belga-fiamminga ha parlato del primo caso di eutanasia su minore. La legge che ha dato il via libera ai genitori sulla questione eutanasia del figlio è stata varata nel 2014 e stabilisce che l’eutanasia si applichi a minori con malattie terminali, sofferenze “costanti e insopportabili” e una prognosi di morte prossima.

Il quotidiano belga afferma che l’operazione è avvenuta in silenzio senza dare dettagli ulteriori sul nome del minore né sulla malattia che lo stava divorando. Il caso ha quindi ricevuto l’autorizzazione del “Dipartimento di controllo federale e valutazione dell’eutanasia“, con il consenso finale anche del minore. Si sono quindi aperti numerosi dibattiti dopo il fatto. Il mondo religioso ha condannato esplicitamente l’uso dell’eutanasia, soprattutto su minore. Anche in Italia la notizia sta avendo numerosi riflessi.

La volontà del familiare non può e non deve essere prevalente rispetto a quella del minore. Non è sufficiente per procedere all’atto eutanasico. La volontà del minore va prima di tutto sottoposta a verifica non dei soli genitori ma di esperti che ne possano certificare l’umore, l’eventuale stato più o meno primariamente depressivo“, così Maria Antonietta Farina, presidente dell’Istituto Luca Coscioni.

Beautiful anticipazioni americane

Beautiful anticipazioni puntate americane: i matrimoni di Brooke, Bill, Eric e Quinn e i problemi di Steffy e Wyatt

bonus 500 euro 18enni

Bonus 500 euro 18enni: come richiederlo e tutte le informazioni utili