in ,

Benessere: la natura come “vera palestra”, al chiuso si invecchia

Diabete, disturbi cardiocircolatori tra cui infarto, miocardico, ictus, insufficienza cardiaca, insufficienza venosa, sovrappeso e obesità, ma anche osteoporosi, artrite ipertensione arteriosa
e aumento dei livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, ma anche alcuni tipi di tumori. Non si tratta di un bollettino medico tragico, ma bensì i rischi di chi si espone ad uno stile di vita sedentario.

E’ proprio vero, gli uomini moderni sembrano aver dimenticato uno “schema motorio” che fino ad una cinquantina di anni fa faceva ancora parte della nostra esistenza. Ancora meglio se queste capacità vengono attribuite agli “uomini primitivi”, loro si che sapevano saltare, scavalcare e muoversi con agilità, basta osservare come alcune tribù africane riescono a sopravvivere nelle foreste senza aver bisogno di collegamenti e strumentazioni che la vita moderna facilmente fornisce.
natura


“La vera palestra è la natura” ed è così che al Wildfitness/Fitness holyday di Tara Wood nasce, per così dire, una nuova tendenza fitness mondiale: tronchi di alberi da sollevare, corse e salti sui sentieri, escursioni rigorosamente a piedi, alberi da scalare ramo per ramo. La vita all’aperto ci rende più sani e ci si mantiene anche giovani; al chiuso invece si invecchia prima.

Il corpo umano possiede capacità motorie molto interessanti, ma oggi, quei movimenti così naturali sembrano essersi atrofizzati, dimenticando come ci si muove. Ecco nascere dunque
palestre all’aperto “ancestrali” del metodo di “Le Carrè”, che hanno sedi in Messico, Brasile, Thailandia, Costa Rica e Spagna in location tanto selvagge quanto belle dove la natura incombe. Tale metodo viene abbinato ad una alimentazione priva di additivi e cibi processati, niente zucchero, amidi né alcol. Da provare almeno una volta nella vita, e non occorre recarsi in uno di quei posti appena citati, basta raggiungere una montagna e fidarsi benevolmente della natura.

Seguici sul nostro canale Telegram

cassazione

Lodo Mondadori: respinto il ricorso, Berlusconi sborserà 564,2 milioni di euro

Giorgio Alfieri e Martina Luciani

Anticipazioni Uomini e Donne: Giorgio si riconcilia con Martina