in

Benigni, I Dieci Comandamenti: più di dieci milioni di telespettatori per la seconda puntata

Ancora meglio della sera precedente. I Dieci Comandamenti di Roberto Benigni è stato il programma più seguito di ieri sera, martedì 16 dicembre. Il comico toscano ha sfondato il muro dei dieci milioni di telespettatori per la seconda puntata del suo show evento andato in onda sull’ammiraglia Rai arrivando a tener incollati davanti al teleschermo, per l’esattezza, ben 10.266.000 persone per uno share pari al 38.32% solo nella presentazione, invece, aveva raggiunto 7.845.000 spettatori per uno share del 27.1%.

Nonostante le polemiche che si sono scatenate sul web per il cachet di Roberto Benigni o per i commenti negativi sulla prima parte dello spettacolo, ieri mattina i dati Auditel avevano comunque decretato ottimi ascolti per la prima puntata andata in onda lunedì sera; una prima puntata che era riuscita a raggiungere 9.104.000 telespettatori ed uno share del 33,22%. Insomma picchi che in pochi riescono a toccare con mano, ma che avevano scatenato parte degli esperti e dei critici del mondo televisivo. In molti avevano voluto sottolineare, infatti,  il pesante calo rispetto a due anni fa quando Benigni era apparso su Rai 1 con La più bella del mondo, un interessante monologo sulla Costituzione italiana in grado di portare a casa ben 12,9 milioni di telespettatori per uno share del 43.93%. Secondo altri detrattori, infine, Benigni ha vinto facile. Nessun’altra Rete, infatti, gli ha offerto una contro programmazione degna di nota.

Di cosa ha però parlato il noto comico? Il Premio Oscar per La Vita è Bella ha incantato il grande pubblico parlando di Dio attraverso il racconto delle cose degli uomini, parlando ai telespettatori, cioè, senza troppi sofismi e per concetti astratti, ma scendendo nella realtà dei fatti, portando tutti a toccare con mano ciò a cui i dieci comandamenti fanno riferimento.

Caso Marò ultime notizie

Caso Marò, Gentiloni sul ‘no’ della Corte Suprema: “L’Italia risponderà all’India”

morgan ballarò

Morgan a Ballarò: Matteo Renzi è una speranza