in ,

A Berlino anche “Fuocoammare”, il docu-film di Gianfranco Rosi: la questione migranti arriva al cinema

Il film documentario “Fuocoammare” di Gianfranco Rosi sarà in concorso alla nuova edizione della Berlinale, il Festival del Cinema di Berlino: la questione migranti a Lampedusa arriva sul grande schermo.

Dopo l’India, il Messico e Roma, Gianfranco Rosi torna ad indagare la parte più inesplorata di Lampedusa: come di consuetudine, il regista Leon D’Oro ha trascorso un anno intero di totale immersione in quello che è oramai considerato il confine tra l’Europa e quei Paesi del Nord Africa da cui giornalmente giungono centinaia di migranti. Da questa nuova esperienza di Rosi, è nato “Fuocoammare” che sarà in concorso alla prossima Berlinale.

“È sempre difficile staccarmi dai personaggi e dai luoghi delle riprese, ma questa volta lo è ancora di più. Più che in altri miei progetti, ho sentito però la necessità di restituire al più presto questa esperienza per metterla in dialogo con il presente e le sue domande. Sono particolarmente contento di portare a Berlino, nel centro dell’Europa, il racconto di Lampedusa, dei suoi abitanti e dei suoi migranti, proprio ora che la cronaca impone nuovi ragionamenti” ha spiegato il regista che è  stato invitato a Berlino quando era ancora in periodo di riprese.

 

Amici 15 anticipazioni

Amici 15 anticipazioni: Rudy Zerbi sgrida tutti

snapchat

Snapchat, dai vip alla Casa Bianca: l’app si arricchisce di contatti prestigiosi