in ,

Berlino: apre il primo supermercato che vende tutto sfuso senza imballaggi

La prossima estate aprirà a Berlino il primo supermercato che combatte l’industria del packaging avente come obiettivo la sostenibilità ambientale. Il negozio si chiamerà “Original Unverpackt” ed è stato pensato da Sarah Lupo e Milena Glimbovski, due imprenditrici tedesche. Il negozio avrà un assortimento di circa 600 prodotti, contenuti in dei silos e i clienti potranno dosarsi ciò che desiderano trasferendo gli alimenti in contenitori che si saranno portati da casa. Il progetto, comunque, prevede che il punto vendita metta a disposizione dei contenitori non acquistabili, ma riutilizzabili dagli avventori.

cibi sfusi al supermercato

Poter acquistare prodotti sfusi ha il duplice vantaggio per i clienti di dosare con precisione la quantità di cibo necessaria ed evitarne lo spreco. I prodotti selezionati sono stati scelti con particolare attenzione al Km 0 e alla provenienza biologica. Le ideatrici spiegano che la finalità è uno shopping divertente accedendo a cibi selezionati, non confezionati in imballaggi a perdere. Il progetto è finanziato interamente attraverso una raccolta fondi online, utilizzando la piattaforma startnext.de, specializzata in progetti creativi. Gli utenti possono fare una donazione da 8 a 300 euro, in cambio di buona spesa da utilizzare proprio nel supermercato berlinese. L’idea ha avuto un grande successo. Tanto che l’obiettivo di 45.000 euro è stato di gran lunga superato in meno di una settimana dal suo esordio in internet.

Secondo le statistiche dell‘Ufficio federale della Germania, oltre 16milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio sono da smaltire ogni anno, costituendo un grave problema ambientale. Lo shopping senza plastica potrebbe dunque essere in grande espansione, non solo in Germania, proporzionalmente allo sviluppo di una sensibilità ambientalista.

Seguici sul nostro canale Telegram

Morto Bendjelloul, il regista di «Searching for Sugar Man»

facebook

Per il leghista Galli, Thohir ha offeso i milanesi