in

Berlusconi indagato per l’attentato a Costanzo, Renzi: «Non c’è uno straccio di prova!»

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi è indagato dalla Procura di Firenze. Il Cavaliere è accusato di 23 ben capi di imputazione relativi alle stragi mafiose del 1993, gli attentati che portarono alla morte di dieci persone e diversi feriti a Firenze, Milano e Roma. E non solo: l’ex premier avrebbe avuto a che fare anche con l’attentato a Maurizio Costanzo, avvenuto in via Fauro a Roma, il 14 maggio 1993. Una notizia che ha suscitato parecchio clamore: poche ore fa anche Matteo Renzi, leader di Italia Viva, partito appena nato, ha voluto dire la sua.

Berlusconi indagato per l’attentato a Maurizio Costanzo, Renzi: «Non c’è uno straccio di prova!»

«Ho sempre detto che rispetto i magistrati e aspetto le sentenze definitive, quella della Cassazione. Confermo questo giudizio. Ma vedere che qualche magistrato della procura della mia città da anni indaghi sull’ipotesi che Berlusconi sia responsabile persino delle stragi mafiose o dell’attentato a Maurizio Costanzo mi lascia attonito!», ha scritto sul suo profilo Facebook l’ex Premier Matteo Renzi, che ha poi aggiunto: «A differenza di quanto scrivono taluni giornali non ho mai governato con Berlusconi e mai Forza Italia ha votato la fiducia al mio governo (a tutti gli altri si, a me no): dunque posso parlare libero, da avversario politico. Berlusconi va criticato e contrastato sul piano della politica. Ma sostenere 25 anni dopo, senza uno straccio di prova, che egli sia il mandante dell’attentato mafioso contro Maurizio Costanzo significa fare un pessimo servizio alla credibilità delle Istituzioni italiane. Di tutte le Istituzioni». In realtà che Berlusconi fosse coinvolto nelle indagini non è una novità. Come riportato su “Il Foglio”, già nell’autunno del 2017, la procura era stata autorizzata a riaprire il fascicolo sulle stragi, archiviato nel 2011. Nei due anni successivi però non si era saputo più nulla del coinvolgimento del cavaliere e soltanto ieri, 26 settembre 2019, si è scoperto che questi è ancora oggi indagato a Firenze per quella stessa inchiesta. E per alcuni è una vicenda che mostra diverse falle nostro sistema giudiziario.

Maurizio Crippa ironizza su “Il Foglio: «Il tycoon di Canale 5 avrebbe fatto fuori la sua gallina dalle uova d’oro?»

Su “Il Foglio” Maurizio Crippa ha commentato così il coinvolgimento di Berlusconi nell’attentato a Maurizio Costanzo: “Fosse andata in porto come la disegnano i magistrati di Firenze, la storia d’Italia sarebbe andata avanti come niente fosse, tra una strage impunita e un’inchiesta farlocca ma sarebbe cambiata del tutto la storia della televisione. Non nel senso che ci saremmo persi vari decenni di Maurizio Costanzo show, che sarà mai. Ma che si dovrebbe riscrivere per intero il ruolo di Berlusconi e anche mettere in dubbio il suo proverbiale senso dello spettacolo!”, scrive il giornalista e vicedirettore de “Il Foglio”, che poi con ironia aggiunge: “Il tycoon di Canale 5 avrebbe fatto fuori la sua gallina dalle uova d’oro, la sua assicurazione sulla vita in seconda serata, il fuoriclasse dell’audience. Strano che i distopici pm di Firenze non abbiano ipotizzato anche un tentativo del padrone del Milan di far fuori Marco van Basten. Siamo un paese giudiziario che farebbe ridere, non fosse tutto tragico. O tragicomico”.

Berlusconi indagato, Andrea Ruggieri di Forza Italia: «La magistratura ormai fa più ridere del miglior cabaret!»

Sulla stessa lunghezza d’onda il deputato di Forza Italia Andrea Ruggieri, che a proposito delle accuse all’ex premier ha detto: «La magistratura ormai fa più ridere del miglior cabaret. A quando un’indagine su Silvio Berlusconi per l’omicidio di Giulio Cesare o per la strage delle Torri Gemelle? E pensare che paghiamo una valanga di tasse per alimentare la mitomania di qualche magistrato, che con la sua tragicomicità macchia l’onorabilità di un ordine che tutti vorremmo poter rispettare».

leggi anche l’articolo —> Bibbiano, Franco Bechis: «Inchiesta giudiziaria usata contro il Pd? Ho letto le carte», scoperta choc

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

lory del santo

Lory Del Santo a Mattino 5: «Eric mi ha tradito con la Campbell. Ma non gli piaceva tanto»

Michela Persico pazzesca su Instagram: scollatura a cuore e décolleté da sogno