in

Bersani al Quirinale, l’incarico per il Governo si allontana

Pier Luigi Bersani è in questi minuti al Quirinale per le consultazioni con il capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Ma dopo le udienze di oggi, PDL e soprattutto Movimento 5 Stelle, si allontana l’ipotesi di un incarico, anche esplorativo, al leader PD per la formazione del nuovo governo.

Il Movimento 5 Stelle ha espresso la sua contrarietà sia ad un incarico a Bersani sia ad un’ipotesi di affidarlo al Presidente del Senato, Piero Grasso. La posizione ufficiale del M5S è quella di un incarico ad un loro esponente, o meglio, ad una personalità vicina al movimento. Restano aperte le porte per una soluzione “istituzionale”, ma nè i grillini, nè tantomeno il PD al momento hanno fatto ipotesi sui nomi.

Stefano Rodotà

Circolano solo voci giornalistiche che danno come possibili candidati il Presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida o il giurista Stefano Rodotà, che dovrebbero dar vita ad un esecutivo caratterizzato da forte indipendenza dai partiti per tentare di raccogliere il consenso dei 5 Stelle.

Quest’ultima ipotesi è bollata come assolutamente impraticabile da Silvio Berlusconi, che insiste nella linea del “governissimo” PD-PDL, già esclusa più volte da Pier Luigi Bersani.

Il rebus, insomma, è sempre più complicato. Si attendono a minuti le dichiarazioni di Pier Luigi Bersani e soprattutto, ma non prima di domani, le valutazioni del Presidente Napolitano.

CON RENZI CANDIDATO PREMIER CENTROSINISTRA AL 44% VINCE LE ELEZIONI

Seguici sul nostro canale Telegram

Farinata di ceci al rosmarino

Classifica Deputati Assenteisti

Deputato Pd: “Non mi taglio lo stipendio”