in

Primarie Pd, Bersani Contestato ad Avellino dagli Operai Irisbus (Video)

Bersani si è visto chiaramente in difficoltà, così come il servizio d’ordine presente nel capoluogo irpino, che non è stato in grado di portare la calma. Urla, spintoni, attimi di tensione con i rappresentanti degli operai che hanno preteso la parola. Bersani è apparso tutt’altro che sereno e tranquillo.

In difficoltà anche chi era sul palco con lui: il segretario provinciale De Luca (che del sindaco di Salerno porta solo il cognome), il sindaco uscente di Avellino, Giuseppe Galasso (che ha appena lasciato la poltrona per inseguirne un’altra, quella al Parlamento) e Rosetta D’Amelio (ex braccio destro di Bassolino). Presenze che la dicono lunga sulla voglia di rinnovamento di un partito che, soprattutto in Irpinia, ha fallito.

Dopo le incomprensioni iniziali, il rappresentante degli operai Irisbus è salito sul palco, leggendo una lettera indirizzata al segretario del PD, durata diversi minuti.

“Degli esponenti locali del partito non ci fidiamo più – c’era scritto nella lettera -, perché non sanno rapportarsi con i vertici nazionali. Ecco perché oggi siamo qui ed abbiamo deciso di inscenare questa protesta. Fu stesso lei, a Napoli qualche tempo fa, a dirci che dovevamo farci sentire, anche con lo stesso PD. Ecco, segretario, oggi siamo qui da lei per chiedere di essere ascoltati. Lei si candida a diventare il Premier di questo Paese, non può esimersi dall’impegnarsi per questa vicenda”.

Al termine dell’intervento, Bersani ha confermato il suo impegno per questa vertenza che rischia di lasciare a casa per sempre centinaia e centinaia di lavoratori ad una quarantina di chilometri dal capoluogo irpino.

Carlo Carrà: inedita Antologica alla Fondazione Ferrero di Alba

Presentazione Windows Phone 8

Windows Phone 8, ecco i Prezzi le Foto e le Caratteristiche