in , ,

Una biblioteca toscana contro Luciana Littizzetto, Fabio Volo e Maria De Filippi: “basta libri culturalmente deboli”

“Basta libri letterariamente e culturalmente deboli” dice a gran voce Luca Nannipieri – assesore alla cultura del Comune di Cascina, in provincia di Pisa – dando contro a quelli che molti definiscono libri “da bancarella”, libri più “pop” scritti da autori come Fabio Volo, Luciana Littizzetto o Maria De Filippi. L’insolita e discutibile decisione darà spazio ad oltre 400 nuovi titoli, tra volumi enciclopedici e grandi classici.

==> I NOSTRI CONSIGLI DI LETTURA: I LIBRI DA LEGGERE ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

Come un fulmine a ciel sereno, su alcuni dei best-seller di autori italiani (e non solo) arriva la polemica di Luca Nannipieri, assessore alla cultura del Comune di Cascina (Pisa). Durante l’annuncio dell’arrivo di oltre 400 nuovi volumi ad arricchire l’offerta della biblioteca Impastato del paese toscano, il politico ha infatti aggiunto anche la sua volotà di “invertire la tendenza” che porta molte biblioteche all’acquisto (quasi esclusivo) di best-seller. “Voglio invertire una tendenza: in biblioteca, prima di spendere soldi per comprare i best seller in classifica, che spesso sono libri letterariamente e culturalmente deboli, come quelli di Luciana Littizzetto, Fabio Volo o dei cantanti, occorre riempire gli scaffali con i libri importanti, non con i semplici desiderati del pubblico. In concreto, se vuoi leggere Fabio Volo, te lo compri in libreria o su Amazon” dichiara l’assessore Nannipieri.

Non usa mezze misure Luca Nannipieri nei confronti di quei libri – come quelli di Luciana Littizzetto, Fabio Volo o Maria de Filippi – che lui definisce “culturalmente deboli”. Nel suo discorso, continua infatti affermando “In biblioteca trovi i libri dei Premi Nobel per la letteratura, i manifesti degli artisti che hanno fatto la storia, le ricerche e le divulgazioni di scienziati, viaggiatori, sperimentatori, che hanno viaggiato nel mondo, i documenti e le bibliografie di storia del territorio. Pensare che in molte biblioteche italiane ci siano i libri di Maria De Filippi e spesso neanche un libro di alcuni fondamentali premi Nobel o candidati al Nobel, è scordare il senso profondo della biblioteca, che è quello di archiviare, testimoniare e rendere presente l’importanza del libro e della lettura, nel suo essere esperienza di conoscenza dell’umano”. La scelta della biblioteca di Cascina potrebbe sicuramente far discutere, nonostante sia stata fatta con l’intenzione di incentivare ” la lettura e la conoscenza dei libri che contano”. E voi cosa ne pensate?

Vincitore MasterChef Italia 6

MasterChef Italia 7: al via i casting per le selezioni 2017

la prova del cuoco ricette dolci oggi, la prova del cuoco ricette dolci, la prova del cuoco ricette oggi, la prova del cuoco 22 febbraio 2017, frappe anna moroni

La Prova del Cuoco ricette dolci oggi: le frappe di Anna Moroni