in ,

“Bike Highways”: in Danimarca si sperimentano autostrade per biciclette

L’idea è nata nell’aprile del 2012 per collegare la città di Copenhagen alla periferia, con lo scopo di agevolare i numerosi pendolari che si spostavano per il lavoro o per la scuola, percorrendo una distanza massima 5 chilometri. Un servizio alternativo, pratico ed ecologico e soprattutto utilizzato da tanti pendolari.

Il presidente del “Comitato ambiente e crescita verde” di Copenaghen, Lars Gaardhøj, evidenzia che questo tipo di tracciato è differente dalle piste ciclabili, l’idea è appunto quella di sostituire al 100% gli altri mezzi di locomozione. L’autostrada per biciclette consente infatti di ridurre possibili situazioni di rallentamento dovute a traffico, incroci etc. Più avanti, afferma il presidente Lars Gaardhøj, saranno effettuate altre migliorie, per rendere il servizio ancora più piacevole ed efficiente, come la presenza di pompe ad aria ogni chilometro e mezzo e l’aumento dell’illuminazione pubblica.

Danimarcaa_piste_ciclabili_mobilita_sostenibile

Per far si che il progetto venisse realizzato, Copenhagen e le 21 circoscrizioni locali si sono accordate per garantire il collegamento e l’armonizzazione delle autostrade, e tutto questo per un raggio d’azione di 20 chilometri dalla capitale. Un percorso progettato per essere il più diretto possibile. Ad oggi sono 29 i tratti di “autostrada gratuita per biciclette”. L’esempio della Danimarca è stato preso anche dalla Germania e Regno Unito tant’è che progetti molto simili stanno acquistando grande rilievo e supporto da parte dei cittadini e degli amministratori locali e nazionali. Ma il traguardo più grosso è rappresentato dalla possibilità di espandere il progetto in tanti altri paesi dell’Unione Europea.

Il presidente Lars Gaardhøj ha dichiarato:È un detto comune tra i medici che il miglior paziente è il paziente che non si vede mai. Qualsiasi cosa possiamo fare per avere meno inquinamento e meno traffico può rendere più sano, forse più felice, la gente.” I calcoli parlano chiaro; per ogni 10 chilometri percorsi in bici è possibile evitare l’emissione di 31-32 libbre di diossido di carbonio, e 9 cent di spesa in assistenza sanitaria, uguale ad una riduzione dei costi sanitari pari a circa 40 milioni di euro. Una magia. non a caso per il 2012 Copenhagen è stata eletta “miglior città per i ciclisti”, “città più vivibile al mondo” e Capitale Verde Europea per il 2014. Prendiamo esempio concludendo con una frase di Enrik Dam Kristensen, Ministro dei Trasporti Danese: “Quando vai in bici per 30 minuti, ti senti veramente bene. Ti godi davvero un bicchiere di vino perché te lo sei meritato”.

il progetto gode del sostegno trasversale di tutti i parlamentari (che si spostano regolarmente in bici)

Seguici sul nostro canale Telegram

Chi è Luca Manfè lo chef italiano che ha vinto MasterChef Usa 2013

Guido Ricci

La morte di Guido Ricci: il miliardario che viveva da barbone