in

Bimba scomparsa a Serle news: perché è stato arrestato il super testimone, c’è una strana coincidenza

Bimba scomparsa a Serle ultime notizie: ha destato molto scalpore il fatto che Enrico Ragnoli, il supertestimone del caso, sia stato arrestato insieme l fratello per una rapina compiuta nel 2002. Proprio quel giorno, infatti, il 33enne bresciano avrebbe dovuto essere presente in studio a Quarto Grado, e il giorno prima di finire in manette era tornato sul posto in cui avrebbe avvistato Iuschra Gazi insieme ad Ilaria Mura, inviata del programma Mediaset, per ricostruire la sua versione dei fatti. La clip è stata comunque mandata in onda durante la puntata del 5 settembre scorso, durante al quale la giornalista ed il conduttore Gianluigi Nuzzi non hanno nascosto la loro perplessità per la tempistica di questo arresto tardivo.

Ragnoli dice di avere visto la bambina autistica scomparsa nei boschi di Brescia il 19 luglio scorso il giorno dopo la sua sparizione. A emettere l’ordine di arresto nei suoi confronti e del fratello, il tribunale di Brescia, in virtù di una condanna diventata esecutiva a tre anni per rapina. Il 32enne, residente a Serle, aveva riferito, fin dal giorno successivo alla scomparsa, di aver incontrato la 12enne ma, nonostante le sue indicazioni, la magistratura inquirente non aveva trovato alcun riscontro alle sue parole.

Tante le trasmissioni in cui Ragnoli era stato ospite – si dice a pagamento – tra queste anche Quarto Grado. In alcuni video circolati in rete, infatti, il testimone aveva poi detto di aver ricevuto soldi per raccontare la storiaIushra il giorno seguente alla sua scomparsa “era seduta su una panchina a forma di tronco mentre si girava i pollici”, così l’uomo, la cui attendibilità però fa venire non pochi dubbi anche perché ogni volta che ha ricostruito i fatti davanti alle telecamere l’uomo si è contraddetto e non è stato poi così chiaro. Comunque agli atti i motivi per cui è stato arrestato non sarebbero affatto riconducibili al giallo della bimba scomparsa. Ragnoli e suo fratello sono stati condannati in via definitiva a tre anni di reclusione per una rapina compiuta nel 2012 a Salò. I due avevano aggredito un uomo per strada per sottrargli gli occhiali da sole, ferendo gravemente la vittima che li denunciò.

Potrebbe interessarti anche: Professore ucciso e bruciato a Entratico: dieci fendenti, c’è già una pista ben precisa

Domenica In ospiti puntata 7 ottobre 2018: chi ci sarà da Mara Venier

caso bozzoli ultime notizie

Mario Bozzoli news indagini: nipoti e operai, cosa potrebbe accadere loro