in ,

Bimbo di 3 anni muore a Latina dopo le dimissioni dal Bambino Gesù, aperta un’inchiesta

Una tragedia che lascia attoniti quella accaduta ieri a Cisterna di Latina, presso l’area industriale ex Nalco, luogo dove in caso di emergenza atterra l’eliambulanza del 118. Un bambino di tre anni, figlio di immigrati filippini, ma nato in Italia è morto in preda a convulsioni che gli operatori del 118 non sono riusciti a sedare, nonostante tutti i tentativi del caso.

La morte del piccolo è tutta da chiarire. Le ultime ore del bambino sono state drammatiche: in mattinata i genitori lo avevano portato a farlo visitare al primo soccorso di Cisterna, dove i medici della struttura avevano consigliato ai genitori di rivolgersi presso un centro più specializzato.

Il bambino è stato portato all’ospedale Bambino Gesù di Roma e, secondo il racconto dei genitori, lì lo hanno visitato e tenuto sotto osservazione per qualche ora, poi rimandato a casa. Ma al rientro nella loro abitazione le condizioni del piccolo si sono complicate con crisi respiratorie e vomito. Chiamato il 118, inutili si sono rivelati tutti i tentativi dei soccorritori di intubarlo e di rianimarlo, il bambino è morto. La piccola salma è stata trasportata nell’obitorio del cimitero di Latina, a disposizione del magistrato di turno, Marco Giancristofaro, che già nella giornata di oggi darà incarico al medico legale per l’autopsia.

scossa di terremoto a Palermo

Terremoto oggi a Palermo con epicentro nel mare di Capaci

Mancini Inter Serie A

Inter ultimissime: Mancini-bis, più delusioni che soddisfazioni