in

Bimbo disabile fa 8 km al giorno gattonando per andare a scuola: la storia commuove il web

È una sfida quotidiana quella del piccolo Mukhlas Abdul Khaliq, bambino indonesiano disabile, che ogni giorno per andare a scuola percorre 8 chilometri gattonando. Davvero una prova ardua per lui, che non potendo camminare come tutti, usa mani e i piedi per raggiungere l’istituto di Gava Island.

Mukhlas Abdul Khaliq ha una deformità ai piedi ed è di piccole dimensioni, tuttavia questo non gli proibisce di affrontare una lunga strada di ghiaia e un ponte di legno per raggiungere il suo obiettivo: la scuola, per realizzare se stesso.  La madre del bambino indonesiano, la cui storia ha commosso il web, ha raccontato: «Lo accompagno tutti i giorni, ma anche se il percorso è pieno di ostacoli, lui li attraversa con tutta la forza possibile!». La donna, che è molto orgogliosa di suo figlio ha poi aggiunto: «Non abbiamo abbastanza soldi altrimenti avrei comprato un mezzo, eppure non si lamenta mai!». Gli abitanti del villaggio ammirano Mukhlas,  parimenti gli amici di questi, che hanno affermato: «È una sfida alla sua disabilità, qualunque sia il problema, lui lo supera!».


Inutile dire che la vicenda di questo ragazzino pieno di tenacia ha toccato il cuore dell’intero paese. Lo scorso 3 dicembre Mukhlas Abdul Khaliq ha incontrato il presidente Joko Widodo proprio in occasione della Giornata mondiale della disabilità. «Ho chiesto ad Abdul Khaliq se voleva qualcosa – ha detto il presidente in una dichiarazione – «Mi ha risposto che voleva andare all’università!». Tanti i suoi sogni nel cassetto: «Voglio diventare un vigile del fuoco, un medico o un astronauta!», ha raccontato il piccolo a un giornalista dell’AFP.  Una storia, quella di Abdul Khaliq che fa riflettere ed emoziona, soprattutto pensando che tanti ragazzi, che hanno avuto la fortuna di nascere in paesi più agiati, saltano la scuola o fanno di tutto per non andarci. Purtroppo in molti altri posti del pianeta l’istruzione è un lusso, non un diritto e la scuola un sogno da inseguire. 

leggi anche l’articolo —> Cinar il «bambino dell’amore»: la storia incredibile del piccolo nato con una voglia a forma di cuore

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Arrestato Marco Piovella capo ultrà Inter: è accusato di rissa aggravata, lesioni e violazione del Daspo

Francesco Monte e Giulia Salemi insieme a Capodanno: il gesto inaspettato dell’ex tronista