in

Biopic su Silvio Berlusconi in pole position c’è Jack Nicholson

Le vicende dell’ex Premier Silvio Berlusconi potrebbe diventare molto presto la trama di una biopic tutta incentrata su di lui. A renderlo noto è stata Agipronews, che annuncia come i bookmaker internazionali siano già in fermento per vedere quale attore potrà avere il ruolo e scommettono già tra i potenziali candidati. La prima agenzia di stampa quotidiana che si occupa del mondo dei giochi a pronostico e delle scommesse, in una nota diffusa poche ore fa ha scritto che il processo Mediaset e il discorso di Berlusconi, dopo la condanna, sono solo il capitolo più recente di una carriera destinata a finire sul grande schermo. Per il momento non si sa ancora chi dirigerà questo film e si parla soltanto dei possibili interpreti. Nicholson Berlusconi

In pole position, per aggiudicarsi la parte del Cavaliere, spicca il nome dell’istrionico attore Jack Nicholson, che ha ottenuto il maggior numero di nomination al Premio Oscar: otto come migliore attore protagonista e quattro come non protagonista. Quest’ultimo ne ha vinti tre: due volte come miglior attore protagonista, (nel 1976 per “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e nel 1998 per “Qualcosa è cambiato”) e una volta come miglior attore non protagonista (nel 1984 per “Voglia di tenerezza”).

A seguire ci sono anche i colleghi Dustin Hoffman, Robert De Niro e Harvey Keitel. In lizza, per la parte, figura tra gli altri Arnold Schwarzenegger che pur essendo fisicamente diverso da Berlusconi potrebbe essere un candidato  data la sua esperienza politica come governatore della California. Altri potenziali interpreti potrebbero essere Al Pacino, Anthony Hopkins e Tom Hanks. E i tre outsider sarebbero: Sean Connery, lo stesso Berlusconi che interpreta se stesso e persino la star dei film d’azione cinese Jackie Chan.

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Hannibal anticipazioni, David Bowie sarà sul set il conte Lecter

Il Segreto

Anticipazioni Il segreto martedì 6 agosto: Sebastian scende a patti, Pepa rischia la vita