in

Black Friday colpisce ogni settore: «Acquista oggi il tuo funerale e muori quando vuoi!»

Il Black Friday pare abbia davvero contagiato tutto e tutti. Nessun settore escluso. I principali brand di moda hanno annunciato sconti imperdibili: da Zara a H&M, da Oviesse a Calliope. Altrettanto i colossi di elettrodomestici come Expert, Unieuro, Euronics solo per citarne alcuni. Insomma sarà veramente un fine settimana all’insegna dello shopping sfrenato e della grande occasione. Certamente avrete la casella di posta sommersa da numerose mail. D’altronde è difficile oggi non essere bombardati dalla pubblicità dei vari negozi, complici anche le newsletter. Vi farà certamente sorridere la notizia che anche nel mondo delle pompe funebri si siano dati un gran da fare quest’anno in occasione del Black Friday. Parliamo di sconti outlet su funerali. No, non si tratta di una fake news. Vi assicuriamo che è tutto vero.

Lo slogan pubblicitario recita grossomodo così: «Acquista oggi il tuo funerale e muori quando vuoi!». Una campagna promozionale che oltre ad incutere un po’ di ansia, fa anche sorridere, considerando che l’espressione «Muori quando vuoi» sembri violare la libertà dell’individuo e rappresentare l’esatto contrario di ciò che afferma: nemmeno in santa pace – ed è proprio il caso di dirlo! – si riesce a morire più. Sdoganando i soliti preconcetti alcune agenzie di pompe funebri stanno tentando in occasione del Black Friday – che più Black non si può! – di vendere pacchetti ai clienti interessati. Ma ce ne è davvero bisogno?

La morte non va in crisi. Questa è una delle tante certezze del mercato, anche perché purtroppo la gente di morire non smette. O non è più così? Forse è altrettanto vero dire che per le agenzie di pompe funebri non sono proprio tempi facili questi. La gente, piegata da quest’inarrestabile crisi economica, cerca di risparmiare su tutto ed ecco dunque che i parenti per i propri congiunti optano per funerali decisamente sobri, semplici, con pochi fiori. Che fare dunque? Beh, inutile negarlo: per molti la «morte» è ancora oggi una parola «tabù», che si fa fatica a pronunciare, prima ancora che accettare, ed è pure vero che nei confronti delle agenzie di pompe funebri c’è parecchia diffidenza. Del resto come può essere simpatico uno che «guadagna» sulle disgrazie altrui? Avete idea di quanta gente debba sotterrare un impresario per pagare il mutuo della propria casa? Beh, abbastanza. Ma è un mestiere come un altro, qualcuno deve pur farlo!

Non so voi, ma quando penso alle Pompe Funebri mi viene sempre in mente Augusto Torello di Un medico in famiglia 3. Ad interpretarlo Francesco Salvi, che è stato capace di dare al personaggio sempre elegante quella vis comica che lo ha reso tra i più riusciti della serie. Indimenticabile la scaramanzia di nonno Libero, unita alla superstizione, la stessa che proviamo anche noi quando ci imbattiamo in un carro funebre vuoto o in annunci come «Muori quando vuoi, che ti seppelliamo Noi!». Eh, di fronte alla Morte c’è poco da fare, non ci sono sconti, né pacchetti, che tengano!

leggi anche l’articolo —> Black Friday 2018 data, quand’è? Ecco tutto quello che c’è da sapere sul venerdì nero più amato dai consumatori

Sexy Wanda colpisce ancora: chi vuole fare una partita a pac-man con lei?

Giusy Pepi ritrovata, il marito: “Era con due uomini, non la voglio più”