in

Boateng: giuste le 4 giornate di squalifica a Mexes

E’ un Kevin Prince Boateng a tutto tondo quello che ieri sera è intervenuto a Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco, il talk show sportivo condotto di Italia 1. L’ex milanista ha commentato il momento della sua ex squadra e ha fatto alcune precisazioni circa il suo passato rossonero.

mexes boateng squalifica

Il centrocampista, a proposito della squalifica di Philippe Mexes e sul momento del Milan, ha dichiarato: “Mexes è uno dei miei migliori amici: lui vuole sempre dare tutto e sicuramente ha esagerato. Le 4 giornate di squalifica sono giuste, si deve calmare un po’. Anche se può capitare in partite del genere di perdere la testa. Non mi aspettavo il Milan a meno 13: hanno iniziato male ma li conosco, sono una squadra molto forte e quest’anno faranno bene. Anche l’anno scorso abbiamo cominciato così così e poi siamo arrivati in Champions”. Boateng prosegue parlando della sua partenza dal Milan e delle difficoltà che sta incontrando Matri in maglia rossonera: “Sono io che ho chiesto di andare via dal Milan, per una questione tattica ma anche per altri motivi. Per quanto riguarda Matri, posso dire che è sempre difficile entrare in una squadra nuova, con compagni e schemi diversi. Lui ora ha gli occhi di tutti addosso, un po’ di pressione, ma è un grande giocatore e appena riuscirà a sbloccarsi farà bene”.

A proposito dei casi di razzismo in Italia, l’ex centrocampista del Milan dichiara: “L’ho già detto e lo ripeto: non penso che l’Italia sia un paese razzista, c’è soltanto qualche idiota che va allo stadio e si diverte così. A volte ripenso a quello che è successo a Busto Arsizio contro la Pro Patria: il pensiero è brutto, ovviamente, non capisco come nel 2013 possano ancora accadere queste cose”. Boateng conclude parlando di Massimiliano Allegri: “Mi ha dato fiducia lasciando in panchina campioni del calibro di Ronaldinho, Seedorf e Gattuso. Per me è l’uomo giusto per il Milan per uscire dai guai”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Avocado: gli effetti benefici del frutto migliore amico del cuore e le sue declinazioni ai fornelli

I giovani italiani? Creativi ma con scarse capacità operative. Ecco il giudizio dei Cavalieri del Lavoro